CORONAVIRUS

Il Covid irrompe negli uffici pubblici:
contagi in Tribunale e a Villa Amendola

Venerdì 3 Dicembre 2021 di Gianluca Galasso
Il Covid irrompe negli uffici pubblici: contagi in Tribunale e a Villa Amendola

Il virus entra di nuovo negli uffici pubblici. Sono emerse le positività di un viceprocuratore onorario, che nella giornata dell'altro ieri ha partecipato a un'udienza al Tribunale di Avellino, e di un dipendente comunale in servizio a Villa Amendola.

La storica dimora di via Due Principati è stata chiusa per eseguire un intervento di sanificazione degli ambienti. Il settore competente dell'amministrazione di Palazzo di Città ha adottato i provvedimenti consequenziali previsti dai protocolli. Lo stesso è stato fatto a Palazzo di Giustizia. Il presidente del Tribunale, Vincenzo Beatrice, ha inviato una nota specifica agli interessati per l'eventuale accertamento di contatti diretti con la persona risultata contagiata.
Ieri, in tutta la provincia, sono stati comunicati dall'Asl 47 casi su 881 tamponi. L'indice di positività è perfettamente identico a quello fatto registrare nelle 24 ore precedenti: 5,34%. Il virus aggredisce ancora la Valle Ufita. Il report dell'Azienda sanitaria restituisce 6 residenti infetti ad Ariano Irpino, 1 ad Avella, 5 ad Avellino, 1 a Baiano, 1 a Candida, 1 a Castel Baronia, 1 a Cervinara, 1 a Gesualdo, 8 a Grottaminarda, 3 a Lioni, 4 a Mercogliano, 2 a Monteforte Irpino, 3 a Montella, 1 a Montoro, 1 a Quadrelle, 3 a San Martino Valle Caudina, 3 a Sperone e 1 a Teora. Nella Valle Ufita, dunque, si contano complessivamente 14 positivi. Questo ha spinto l'amministrazione comunale di Grottaminarda ad adottare provvedimenti prudenziali per scongiurare ulteriori rischi.

«Anche quest'anno, con molto rammarico, l'amministrazione comunale si vede costretta ad annullare l'appuntamento dell'8 dicembre con la Fiera Città di Grottaminarda, anche detta Fiera dell'Immacolata, evento dedicato allo shopping prenatalizio di grande richiamo ed importanza per l'economia locale - fanno sapere dal municipio - Il protrarsi dello stato di emergenza sanitaria prorogato al 31 dicembre, le norme relative all'impiego della certificazione verde Covid-19 introdotte dal decreto legge 23 luglio 2021 numero 105, nonché dell'ordinanza del presidente della Regione Campania del 31 luglio 2021, hanno portato inevitabilmente a tale decisione. Se le condizioni sanitarie dovessero consentirlo - evidenziano gli amministratori guidati dal sindaco Angelo Cobino - sarà valutata la possibilità di tenere la fiera, in via eccezionale, il 7 marzo, Fiera di San Tommaso». 

A Serino, l'amministrazione scende in campo a favore delle famiglie. «Per il contenimento e la gestione dell'emergenza Covid-19 abbiamo previsto l'erogazione di interventi economici di solidarietà alimentare - annuncia il sindaco Vito Pelosi - Le domande dovranno pervenire entro il termine perentorio del 15 dicembre, salvo la possibilità da parte del Comune di riaprire successivamente i termini. Durante l'apertura dei termini saranno evasi subito i casi di estrema necessità e urgenza. La domanda può essere presentata tramite pec o direttamente al protocollo generale del Comune, rispettando le normative in tema di sicurezza ed evitando assembramenti».

Video

A livello regionale continua a salire l'indice di contagio ma diminuisce il numero dei ricoveri. L'Unità di Crisi di Palazzo Santa Lucia segnala altri 1.271 positivi su 32.619 test (184 più del giorno precedente con 1.214 tamponi processati in meno), con un rapporto positivi/tamponi pari al 3,89%, in aumento rispetto al 3,21% registrato nelle 24 ore prima. Si contano altri 5 morti, 4 nelle ultime 48 ore e uno deceduto in precedenza: il totale delle vittime sale così a 8.238. I pazienti ricoverati sono 22 in terapia intensiva e 312 in degenza.

In Irpinia il numero dei ricoverati non cambia. Nell'area Covid di Malattie Infettive dell'azienda Moscati sono ricoverati 10 pazienti. Altri due ricoveri si registrano al Frangipane di Ariano Irpino.

Ultimo aggiornamento: 20:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA