CORONAVIRUS

Assenteismo Asl, cadono le accuse
Reintegrato capo emergenza covid

Venerdì 27 Novembre 2020 di Mary Liguori

Il gip Vincenzo Saladino del tribunale di Napoli Nord ha annullato la misura interdittiva di sospensione dal pubblico servizio per il dirigente medico Enzo Iodice, a capo della  struttura di coordinamento dell'emergenza covid per Caserta e Provincia e lo ha reintegrato al lavoro. Ordinanza annullata e reintegro in servizio anche per il fisiatra Antonio Menditto, rappresentato dal penalista Raffaele Costanzo

LEGGI ANCHE Furbetti dell'Asl, il gip valuta il ritorno al lavoro o il licenziamento

I due dirigenti medici sono stati coinvolti in una ampia inchiesta sull'assenteismo che ha coinvolto oltre venti dipendenti dell'Asl in servizio al distretto sanitario di Aversa. Per Iodice, il gip ha accolto la richiesta dell'avvocato Mauro Iodice che ha motivato l'istanza di revoca con il tipo di contratto che lega il dirigente alla Asl - un contratto di diritto privato che non prevede orario di lavoro ma raggiungimento di obiettivi aziendali. Quanto a Menditto, la difesa è riuscita a dimostrare che le assenze contestate come illecite erano in realtà dovute a visite domiciliari previste dal ruolo svolto. 

«Il dottor Vincenzo Iodice si è presentato innanzi al Giudice con estrema fiducia e ha risposto a tutte le domande, chiarendo le funzioni svolte all’epoca dei fatti e le modalità di rilevamento della sua presenza in ufficio. - ha spiegato l'avvocato Mauro Iodice a Il Mattino - All’esito dei chiarimenti resi, sempre nell’ ottica della collaborazione con l’Autorità Giudiziaria, abbiamo avanzato la richiesta di revoca della misura interdittiva. Il dott. Iodice era fiducioso nell’operato dei Magistrati e la solerzia con cui è stata risolta la sua vicenda ha contribuito nel rafforzare la sua fiducia nell’operato della Magistratura».

Ultimo aggiornamento: 19:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA