Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Napoli Obliqua», 150 km in bici dalla Sanità ai Campi Flegrei

Venerdì 22 Luglio 2022
«Napoli Obliqua», 150 km in bici dalla Sanità ai Campi Flegrei

Martedi 19 Luglio, ore 19, al «Bicycle House» si presenta la «Napoli Obliqua», una nuova proposta cicloturistica di valenza nazionale, che si snoda nell'area urbana della città e nei Comuni limitrofi della città metropolitana. Napoli Obliqua, lanciata dall’«Aps Napoli Pedala», punta ad essere uno strumento di fruizione autentica della città con il valore aggiunto della sostenibilità. Si tratta di un percorso ad anello, che si espande in tre percorsi di approfondimenti, per oltre 150 km complessivi a cui si aggiungono gli itinerari a piedi. Oltre al Comune di Napoli, coinvolge i comuni flegrei di Pozzuoli, Bacoli, Quarto e Monte di Procida e si estende fin su al Bosco dei Camaldoli a circa 450 mt sul livello del mare, passando per il Real Bosco di Capodimonte per poi prosegue per l’area flegrea, costeggiando i crateri degli Astroni e il Monte Nuovo. Napoli è protagonista nella sua dimensione verticale, con il suo paesaggio e i suoi panorami che si mescolano con l’antropico; con i suoi divari socioeconomici e le differenze culturali, visibili all’interno di ogni quartiere attraversato.

Dalla Sanità ai Quartieri Spagnoli a Posillipo, e poi nel paradiso dei Campi Flegrei salite e discese per immergersi nella dimensione obliqua della città, per conoscere meglio la sua morfologia, la sua storia, le tradizioni e la contemporaneità. Si tratta di una narrazione che vuole promuovere la Napoli «porosa» raccontata sapientemente dal filosofo Benjamin, ed offrire a turisti e napoletani uno sguardo sui tanti contrasti che la città contiene. Tutti gli itinerari partono dalla Galleria Principe di Napoli, infatti la proposta cicloturistica si integra con la rete extraMann promossa nell’ambito del progetto Obvia dal direttore Paolo Giulierini, che raggruppa oltre quaranta realtà culturali che danno vita a quello che di fatto è «Un quartiere della cultura». L’incontro sarà anche l’occasione per avviare un laboratorio di comunità e coinvolgere le tante realtà di turismo esperienziale che operano su questi territori, nonché promuovere attività formative per guide cicloturistiche rivolte a giovani.

Le attività si aprono con un seminario che vedrà coinvolti in un confronto su questi temi Luca Simeone, Ewout Kieckens, Emanuela Ferrante, Felice Casucci, Fabrizio Canonico, Wwf Oasi, Remo Minopoli, Fabio Borghese e Diego Dionoro. Quest’evento si inserisce infatti nell’ambito del progetto del Comune di Napoli «Napoli in Bici» - I giovani per il network delle «città dello sport» della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le politiche giovanili e del Servizio civile universale, promosso dall’Anci. Al termine del seminario, il tempo di un veloce cocktail e poi in sella per una pedalata notturna, per esplorare alcuni dei luoghi presenti sul tracciato della ciclovia. Le attività proseguiranno con un open week in Mostra d’Oltremare rivolto a tutti i giovani interessati a fare della passione della bici, una possibilità di lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA