CORONAVIRUS

Covid a Boscotrecase, ecco i nuovi posti letto ma sono inutili senza specialisti

Mercoledì 25 Novembre 2020 di Francesca Mari

Dieci posti di Medicina generale vuoti ed altri trenta posti quasi completati, ma non attivabili perché mancano i medici specialisti. Torna l'sos dal Covid Hospital di Boscotrecase dove il coronavirus ha colpito circa 50 sanitari- i due terzi del totale non sono ancora rientrati a lavoro- e dove i rinforzi stentano ad arrivare. Qui, dove ieri si sono registrati altri due decessi in terapia intensiva (una donna ed un 62enne), il limite di accesso dei ricoveri resta di 80 posti letto; si possono ricoverare nuovi pazienti solo se se ne dimettono altri o se i morti lasciano i posti liberi. Tuttavia, nonostante l'erogazione di vari bandi dell'Asl Napoli 3 Sud sia per medici che per infermieri, i medici arrivati al nosocomio sono sempre gli stessi 15 specializzandi che devono fare affiancamento. A fine ottobre l'azienda sanitaria aveva bandito una gara per medici specializzati (cardiologi, pneumologi, anestesisti) a tempo determinato, ora scaduta. Quindi, probabilmente, ci vorranno i tempi burocratici per l'espletazione del bando e l'arrivo effettivo degli specialisti.

LEGGI ANCHE Vaccino Astrazeneca: «Dosi già a Roma in attesa del dossier»

In queste ore, invece, l'Asl ha indetto una gara per la ricerca di 120 infermieri per un incarico a tempo determinato per la durata di 8 mesi. L'avviso ha la durata di 15 giorni dalla pubblicazione del bando (23 novembre) e prevede la candidatura online attraverso il sito https://aslnapoli3sud.iscrizioneconcorsi.it. «Noi stiamo continuando ad allestire posti letto - dice il direttore strategico Savio Marziani- ma non possiamo attivarli se non arrivano medici. E per medici intendo medici esperti, noi abbiamo reparti molto delicati dove si richiedono delle professionalità». Proseguono, infatti, i lavori nell'area grezza dell'ospedale Sant'Anna e a Santa Maria della Neve dove sorgeranno nuovi reparti e, soprattutto, si utilizzeranno 5 stanze per il personale medico-infermieristico destinate al «percorso pulito». In questo modo nell'area attiva dell'ospedale si libereranno stanze per accogliere nuovi pazienti. In tutto 30 nuovi posti, dotati di letti, ventilatori e strumenti ma senza medici specialisti.

Video

Stesso discorso per la terapia intensiva: ci sono 8 posti pronti ma se non arrivano anestesisti non si possono attivare, anzi c'è il rischio di una riduzione. In questi giorni, tra l'altro, si sono liberati 10 posti in Medicina generale perché diminuisce la richiesta di degenza ordinaria ed aumenta quella di terapia sub intensiva. «Inutile sbandierare cifre di posti letto - conclude Marziani- quando poi non sono attivabili perché mancano le professionalità. È solo un mero valzer di numeri. Al momento abbiamo 10 posti vuoti in Medicina, mentre aumenta la richiesta per la sub intensiva. Inoltre, l'uso dei ventilatori e caschi non può essere affidato a specializzandi o neo laureati ma a medici d'urgenza, a pneumologi, a cardiologi con una certa esperienza. C'è bisogno di professionalità».

Ultimo aggiornamento: 12:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA