CORONAVIRUS

Covid in Campania: «No ai test rapidi nei nostri ambulatori»; la protesta dei medici di base

Martedì 17 Novembre 2020 di Carmen Fusco

Hanno detto no all’accordo che obbliga i medici di medicina generale ad  effettuare i tamponi rapidi per la diagnosi di Covid: «I nostri studi sono nella maggior parte dei casi ospitati in abitazioni private all’interno di condomini, per giunta in un momento in cui le altre malattie sono sacrificate sull’altare del virus, i malati alle prese con altri problemi di salute perderebbero un altro punto di riferimento oltre a quello degli ospedali e degli ambulatori specialistici pubblici». 

Una posizione ribadita sia sui tavoli nazionali che in quelli regionali ma il risultato è stato che i “dissidenti” sono stati bannati, esclusi dalla discussione che in queste ore decreterà il destino dei medici di famiglia. É il caso dell’incontro che proprio in queste ore è in corso tra Regione Campania e sindacati e che, a sentire chi si è messo di traverso, ha chiuso la porta proprio  a chi ha opinioni differenti: «Hanno fatto tutto sotto banco - protesta Tiziana Gagliardi a nome dell’associazione Italia Medicina - abbiamo saputo della riunione soltanto per vie traverse. Non è affatto democratico escludere chi la pensa diversamente e soprattutto è grave che una decisione destinata ad incidere sull’attività di tutti i medici di base possa essere presa passando sulla testa di chi poi dovrà subirla».

LEGGI ANCHE Covid come l'influenza, Lopalco: «Diventerà una malattia stagionale e non andrà più via»

A convincere i camici bianchi di Italia medicina di essere nel giusto anche una recentissima sentenza del Tar del Lazio che proprio sulla questione sollevata in questi giorni si è pronunciato a favore  dei medici di base: «I medici  di medicina  generale - dicono  il  giudici del Tar - risultano investiti di una funzione di assistenza domiciliare ai pazienti Covid del tutto impropria, che per legge dovrebbe spettare unicamente alle Unità Speciali di Continuità Assistenziale».

«I medici - sottolinea ancora il  Tar -  verrebbero pericolosamente distratti dal compito di prestare l'assistenza ordinaria, a tutto detrimento della concreta possibilità di assistere i tanti pazienti non Covid, molti dei quali affetti da patologie anche gravi».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA