Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, inaugurata al Frullone la «panchina rossa» dell'Asl Napoli 1 Centro per dire no alla violenza di genere

Martedì 8 Marzo 2022
Napoli, inaugurata al Frullone la «panchina rossa» dell'Asl Napoli 1 Centro per dire no alla violenza di genere

Il direttore sanitario della Asl Napoli 1 Centro, Maria Corvino, in presenza dell'artista Paolo Giampetraglia che ha realizzato e donato l'opera, ha inaugurato al Frullone «la panchina rossa», simbolo per dire no alla violenza di genere e per tenere alta l'attenzione su un fenomeno che ogni anno in Italia miete decine e decine di vittime.

«La Asl Napoli 1 Centro, che ha scelto di essere al fianco delle donne vittime di violenza ormai da anni con percorso e sportello rosa sia presso l'ospedale San Paolo che presso l'ospedale Pellegrini, ha voluto installare la sua panchina rossa e lo ha fatto con l'autenticità che da sempre contraddistingue l'azione dell'attuale direzione strategica», si legge in una nota.

Video

«La panchina rossa - spiega il direttore sanitario Corvino - dice a tutti che la Asl Napoli 1 Centro c'è ed è pronta a fare la propria battaglia al fianco delle donne. Noi ci siamo, ed anzi implementeremo sempre più la nostra azione di sostegno e assistenza. La panchina rossa inaugurata oggi la dedichiamo in particolar modo a tutte le donne ucraine che in questo momento stanno dimostrando la loro immensa forza, una parte combattendo in prima fila in difesa della propria patria ed altre incamminandosi da sole con figli spesso molto piccoli per raggiungere i confini sfidando bombe ed azioni militari».

Ultimo aggiornamento: 12:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA