Regalo di Natale per i turisti di Pompei: riaprono le domus di via Nocera

Casa del Triclinio all'Aperto
di Susy Malafronte

POMPEI - «Il 23 dicembre si riaprono le domus di via Nocera». L'annuncio social è del direttore generale del Parco Archeologico Massimo Osanna. La sorpresa di Natale, per i turisti di tutto il mondo che sceglieranno la città archeologia quale meta per le festività natalizie, corre sul web, via Instagram, ed è subito virale. Il direttore del Parco Archeologico, Massimo Osanna, pur annunciando l’evento in anteprima ha, tuttavia, voluto mantenere un alone di mistero sul nome delle case che riapriranno al pubblico due giorni prima di Natale. Gli indizi forniti, la foto di una domus e l'indicazione della strada su cui affacciano, però, sono stati sufficienti a far svelare il «mistero di Natale».
 
 

Le domus in questione, la cui apertura è stata annunciata dal professor Osanna attraverso il suo profilo social di Instagram, sono del «Triclinio all’aperto» e del «Giardino di Ercole» - meglio nota come la «Casa del Profumiere». La casa del «Triclinio all'aperto» ha la caratteristica di avere anche il piano superiore, di cui si è ricostruita la balconata sulla facciata all'ingresso. Al suo interno, nel giardino, era stato costruito un piccolo santuario domestico, coprendo un precedente dipinto raffigurante Venere, di cui ne rimane solo una parte. La domus del «Giardino di Ercole», chiamata anche «Casa del Profumiere», risale al III secolo avanti Cristo ed è strutturata con un atrio, intorno al quale si aprono diverse stanze ed un corridoio che immette nel grande giardino, dove si è scoperto fossero coltivate essenze per profumi: probabilmente il padrone era un profumiere. Nella parte orientale del giardino è posto un triclinio, con un'edicola dedicata ad Ercole, di cui fu rinvenuto una statua in marmo.
Martedì 12 Dicembre 2017, 19:02 - Ultimo aggiornamento: 12-12-2017 19:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP