Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Procida, ritorna la Processione dei Misteri dopo due anni di stop

Mercoledì 13 Aprile 2022
La Processione dei Misteri prima della pandemia

Un rito fortemente identitario, che affonda le radici alla fine del XVI secolo e che coinvolge migliaia di isolani: dopo due anni di stop causato dalla pandemia da Covid-19, venerdì 15 aprile torna a Procida la Processione dei Misteri, inserita quest'anno nel programma della Capitale Italiana della Cultura 2022. La costruzione dei Misteri, manufatti artistici ispirati ad episodi del vecchio e nuovo testamento e realizzati con vari materiali (cartapesta, legno e altri materiali poveri, con una particolare attenzione al riuso), è stata avviata nei mesi scorsi e ha dato vita a 30 tavole, che saranno portate a braccio attraverso il centro dell'isola, dal borgo di Terra Murata a Marina Grande.

L'evento è organizzato dalla congregazione dell'Immacolata dei Turchini e fa seguito al corteo dei 12 apostoli incappucciati per l'adorazione nelle chiese, in programma giovedì, a partire dalle 18. Venerdì mattina, alle 5.30, una veglia di preghiera anticiperà il corteo del Cristo Morto e dell'Addolorata verso l'abbazia di San Michele. Alle 7.30 al via il momento più atteso e spettacolare: il Cristo Morto e i Misteri si faranno largo tra la folla, raccontando, insieme agli episodi della Bibbia, anche pagine legate alla contemporaneità, grazie al talento e alla fantasia delle associazioni che vi lavorano, «L'isola dei Misteri», «I ragazzi dei Misteri» e «Venerdì Santo».

Video

A portarle a mano centinaia di fedeli vestiti con una veste bianca sormontata da un mantello di colore turchese, il cosiddetto «mozzetto». A rendere più suggestiva l'atmosfera la banda musicale città di Procida, che intonerà le marce funebri. Alle 20 è in programma invece la via Crucis con le sacre immagini del Cristo Morto e dell'Addolorata.«Il ritorno della nostra Processione dei Misteri dopo due anni di stop forzato a causa del Covid e in un momento così importante per la nostra isola è per noi un nuovo motivo d'orgoglio e l'occasione per raccontare all'Italia e al mondo una delle nostre principali tradizioni», commenta il sindaco di Procida, Dino Ambrosino. Il comune di Procida ha previsto, da giovedì a martedì, una serie di blocchi del traffico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA