«Affabulazione», l'anteprima del progetto culturale: ecco i primi spettacoli

«Affabulazione», l'anteprima del progetto culturale: ecco i primi spettacoli
Giovedì 15 Settembre 2022, 12:44 - Ultimo agg. 13:56
4 Minuti di Lettura

La città e le sue periferie diventano protagoniste di «Affabulazione», un ampio e imponente progetto culturale realizzato con il contributo del Fondo Unico per lo Spettacolo della Direzione Generale Spettacolo del Ministero della Cultura, che sarà presentato in conferenza stampa dal Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, mercoledì 21 settembre, alle 9.30, presso i Laboratori Artistici della Fondazione Teatro di San Carlo, Stradone Vigliena 23 (ex Stabilimento Cirio) e che fino a dicembre coinvolgerà tutte le figure professionali del mondo dello spettacolo che hanno particolarmente sofferto lo stop forzato in pandemia; e tutte le arti, dal teatro alla musica passando per la danza, nell’ottica di una Napoli sempre più policentrica.

L’anteprima di «Affabulazione» è in programma nella Municipalità VIII (Scampia, Piscinola, Marianella, Chiaiano). L’Associazione Napoli Capitale Europea della Musica (Ancem), in collaborazione con l’Accademia di Santa Sofia, con il progetto «Scampia. Il progresso attraverso la cultura» propone eventi di prosa, musica e danza, affidando l’ouverture all’Orchestra Sanitansamble, diretta dal maestro Paolo Acunzo, esempio di riscatto sociale oltre che di valenza artistica. Questo appuntamento, dal titolo “Incontrandoci in musica”, in programma venerdì 16 settembre, alle 19.00, negli spazi dell’Auditorium Ic 28 Giovanni XXIII° - Aliotta, in via Nuova Toscanella 235, rappresenta una simbolica «stretta di mano» tra due quartieri di Napoli, quello della Sanità, che ha saputo lasciarsi alle spalle una storia tormentata, e quello di Scampia, che sempre più si caratterizza per la sua forte volontà di riscatto.

Lunedì 19 settembre, alle 19.00, l’Auditorium Istituto Galileo Ferraris, in via Antonio Labriola Lotto 2G, ospiterà «Anna Tifu & Tango Quartet». Teatri Associati di Napoli srl e Area Live srl propongono il progetto «Areanord in Festival. Confini aperti», agendo sempre nella Municipalità VIII e iniziando la loro programmazione domenica 18 settembre alle 20.30 con «Anime» al Teatro Area Nord/Arena Tan, in via Nuova dietro la Vigna 20, un concerto in cui Pino Ciccarelli e Sasà Priore reinterpretano Mario Musella. «Anime» mette in rilievo l’aspetto umano, fragile e sensibile di Mario Musella, raccontato in una veste intima e scarna, romantica e poetica, vulnerabile e carismatica allo stesso tempo. Nell’album sono presenti due inediti «Canzone per Ninuccia» (mamma di Mario) e «Marittiello ‘mmieze ‘e stelle». Nasce anche l’idea di omaggiare i «Chicago» in «25 or 6 to 4» all’interno del brano «Io l’amo di più» dei quali Mario Musella era un grande estimatore. Mercoledì 21 settembre, alle 20.30 e alle 21.30, ai Giardini del Teatro Area Nord/Arena Tan, va in scena «La moltitudine delle cose diverse», uno spettacolo di danza itinerante ispirato al Decameron, prodotto da Interno 5 con il coordinamento artistico di Antonello Tudisco.

Concept: Vincenzo Ambrosino. Coreografi: Marianna Moccia, Viola Russo, Sara Lupoli, Niko Piscopo, Rossella Canciello, Roberta Ricci, Antonello Tudisco. Performers: Maria Anzivino, Noemi Avino, Laura Calemma, Ginevra Cenere, Marco Di Dato, Alessia Di Maio, Rebecca Furfaro, Lukas Lizama Garrido, Marianna Moccia, Gerardo Pastore, Viola Russo, Tokyo Tello. Costumi: Gina Oliva. Musiche: Lino Vairetti e Chiara Mallozzi. Luci: Mattia Santangelo. Al Centro MaMu, in via Antonio Labriola 207, prosegue il laboratorio di musica e globalità dei linguaggi «Song, io sono, io suono, io scrivo, io sogno», in programma 19, 20, 21 e 22 settembre, dalle 16.30 alle 19.30, con i docenti Francesco Di Bella (24 Grana), Gnut, Dario Sansone (Foja) e Lino Vairetti (Osanna), che si concluderà il 23 settembre alle ore 20.30 al Teatro Area Nord/Arena Tan con un concerto a cui prenderanno parte sia gli allievi che i docenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA