Scoperto il modo in cui le tartarughe riescono ad attraversare le gelide acque del Pacifico

Domenica 11 Aprile 2021 di Marta Ferraro
Scoperto il modo in cui le tartarughe riescono ad attraversare le gelide acque del Pacifico in un'epica migrazione di 14.500 chilometri dal Giappone al Messico

Durante la loro esistenza, le tartarughe Caretta Caretta intraprendono un viaggio impressionante di circa 14.500 chilometri: dalle coste giapponesi alla penisola della Bassa California, in Messico. Si tratta di un lungo viaggio che può durare fino a 20 anni. Il modo in cui riescono a conseguire una tale impresa attraverso le gelide acque dell'Oceano Pacifico, le cui basse temperature mettono in pericolo la loro vita, è stato motivo di confusione e curiosità nella comunità accademica.

Tuttavia, un team di scienziati internazionali ha scoperto che sono le correnti di acqua calda a consentire alle tartarughe marine di attraversare le barriere oceaniche «inospitali e fredde» durante il loro viaggio dal loro luogo di nascita in Giappone alle spiagge messicane.

Per risolvere il mistero che si celava dietro questa impresa, i ricercatori hanno utilizzato sofisticate tecniche di telerilevamento oceanografico per tracciare il movimento di 231 giovani tartarughe tra il 1997 e il 2013 e hanno prodotto una registrazione dettagliata del loro invecchiamento. 
Un'analisi dei dati raccolti, pubblicata su Frontiers in Marine Science, suggerisce che l'aumento delle temperature oceaniche causato da fenomeni meteorologici crea un «corridoio termico» utilizzato dagli animali. 

«Per decenni, la nostra capacità di collegare i punti migratori di questa specie in via di estinzione è stata imprecisa», quindi un'indagine di questa natura aiuterà a sviluppare programmi di protezione più efficaci, che dovrebbero considerare le nuove rotte migratorie causate dai cambiamenti climatici, ha affermato l'autrice principale dello studio, Dana Briscoe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA