CORONAVIRUS

Covid, disdette a Natale e Capodanno? Come annullare le prenotazioni di hotel, treni e aerei (e ricevere il rimborso)

I viaggi degli italiani per le feste di fine anno rischiano di saltare. Le informazioni per chi decide di non partire più

Martedì 7 Dicembre 2021 di Lorena Loiacono
Covid, boom disdette a Natale e Capodanno. Cosa fare per annullare le prenotazioni di alberghi, treni e alberghi (e ricevere il rimborso)

Da un lato c’è la voglia di partire e di tornare a viaggiare per le vacanze natalizie, dall’altro però c’è anche la paura che qualcosa vada storto: un positivo in famiglia, che con la quarantena blocca anche tutto il gruppo, o la possibilità che da qui al 25 dicembre o a Capodanno le regioni possano cambiare colore e bloccare le partenze. O, peggio ancora, di ritrovarsi bloccati fuori, lontano da casa, una volta partiti.

Vacanze Natale tra quarantene e green pass. Dove andare? Stretta Usa, caos Europa, corridoi Covid free per Maldive ed Egitto

Prenotare sì, ma serve un piano B

La pandemia ha costretto infatti gli italiani a ragionare e a programmare tutto di settimana in settimana, con un occhio fisso sulla curva dei contagi: in questi giorni, purtroppo, sono in salita e così si sente la necessità di pensare alle vacanze ma, allo stesso tempo, anche ad un piano B d’emergenza.

Già milioni di disdette

Se la vacanza, già prenotata e pagata, dovesse saltare per colpa del Covid, che cosa accade? L’interrogativo riguarda milioni di italiani: solo qualche settimana, secondo i dati di Confturismo-Confcommercio, erano 35 milioni quelli intenzionati ad organizzare, finalmente, un viaggio. Oggi ne mancano all’appello 11 milioni e, soprattutto, sono già 2,5 milioni le disdette arrivate nelle strutture ricettive. Con un danno enorme, per il secondo anno consecutivo, per la categoria del turismo.

 

Cosa succede se salta il viaggio, dopo aver già prennotato l'albergo? 

La risposta ai dubbi dei viaggiatori arriva da Federalberghi che consiglia sempre di accordarsi con l’hotel in cui si decide di prenotare: è importante farsi spiegare bene che cosa accade e quanto si perde qualora il viaggio dovesse essere annullato per motivi legati al Covid.

Cosa succede se salta il viaggio, dopo aver già prenotato l'aereo?

Se si è acquistato un biglietto con Ita Airways, i passeggeri possono chiedere il rimborso o la modifica del biglietto in caso di positività, quarantena o restrizioni alla mobilità nel Paese di origine o destinazione del viaggio. Tutto senza penali da applicare. Se invece si è acquistato un biglietto con la compagnia low-cost Easyjet, viene applicata la “garanzia flex”: prevede la possibilità di modificare il volo fino a due ore prima della partenza. Se invece il volo viene cancellato, per motivi di blocchi legati all’emergenza, è previsto il rimborso completo.

Cosa succede se salta il viaggio, dopo aver già prenotato il treno?

Se si è acquistato un biglietto con Trenitalia, ci sono due possibilità: se la rinuncia è volontaria non si ha diritto al rimborso se invece è dovuta ad un caso di positività al Covid o ad una quarantena si potrà avere il rimborso integrale del costo del biglietto, in voucher o in denaro. Se si è acquistato un biglietto con Italo bisogna informarsi caso per caso, non ci sono indicazioni uniche per tutti.

 

 

Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre, 07:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA