Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

Roma, gli ultimi party senza regole: a Ferragosto folla in pista e zero controlli

Lunedì 17 Agosto 2020 di Marco Pasqua
Roma, gli ultimi party senza regole: a Ferragosto folla in pista e zero controlli

«Ragazzi, mi raccomando, tenete sempre la mascherina a portata di mano». Dice proprio così l’esuberante vocalist della notte di Ferragosto – sicuramente una delle ultime prima del nuovo lockdown danzereccio deciso ieri dal governo – nello stabilimento Kursaal. E viene in mente quella che, ormai, è la colonna sonora di quanti ottusamente sfidano il virus, quel “Non ce n’è Covid”, che da tormentone televisivo si è trasformato in meme e in una canzone condivisissima nelle stories di Instagram. Un pienone prevedibile, quello nel popolare stabilimento sul lungomare, viste le prenotazioni e vista la voglia di divertirsi, a dispetto dei numeri dei contagi che continuano a salire. Le foto parlano chiaro: moltissime persone, tanti giovanissimi, ammassate nei privè e in pista, ballano senza mascherine, inconsapevoli dei rischi che stanno correndo. Sulla pagina Facebook della serata, si condividono gli scatti delle nottate precedenti e anche lì sono istantanee che raccontano la spregiudicatezza di chi sembra non conoscere il virus. 

LEGGI ANCHE «Discoteche chiuse in tutta Italia»

Poco più avanti, altra festa gettonatissima la notte di Ferragosto, è stata a Capocotta, al Settimo Cielo, luogo simbolo della trasgressione notturna sul litorale. Ecco “Love to love”, serata ad ingresso gratuito, dove, il guadagno è tutto nei drink consumati al bar. Poco dopo mezzanotte, la spiaggia si trasforma in un immenso dancefloor senza regole con vista mare: qui ci sono anche minorenni, e di mascherine neanche a parlarne. A Fregene, c’è la festa della Vela (ovvero l’ex Blanco, ospitato dallo stabilimento balneare), dove pure, tra privé e bottiglie di champagne al tavolo (e qui sì, il distanziamento c’era), si è ballato vicini vicini, “scaldati” dal djset pensato per un pubblico di under 21 rimasti a Roma. 
 


Dal litorale alla città, il Nice – da sempre punto di riferimento dei ragazzi di Roma Nord - è stato uno dei luoghi di ritrovo preferiti dai giovani che non sono partiti e che qui hanno potuto “sbocciare” e “sciabolare” in serenità. Almeno fino alla scorsa settimana, quando i vigli urbani hanno trovato all’interno della discoteca – che si è trasferita a Saxa Rubra dalla sua normale location alla Farnesina – duemila persone, assembrate e senza mascherine. Chiusura provvisoria, e poi via, ripartenza per Ferragosto. E anche a Ferragosto, mentre il personale prestava attenzione ad indossare le mascherine, in pista è stato impossibile rispettare la distanza di un metro, nonostante i cartelli invitassero il pubblico a proteggersi (e nonostante l’ingresso su prenotazione via Whatsapp). Chiusura ben oltre le 4 di notte (orario limite per sparare la musica dalle casse), con un’orda di giovanissimi che è tornata a casa convinta di aver passato il 15 agosto nell’unico modo possibile: ovvero facendo finta che l’emergenza Covid sia già terminata.

Ultimo aggiornamento: 07:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA