Processo Mps, la Corte d'appello di Milano assolve tutti: banche e manager

Venerdì 6 Maggio 2022
Processo Mps, la Corte d'appello di Milano assolve tutti: banche e manager

 

Tutti assolti in secondo grado a  Milano  gli ex vertici di Mps, Deutsche Bank, Nomura e i loro ex manager, imputati per le presunte irregolarità, ora cancellate o prescritte, nelle operazioni di finanza strutturata, Alexandria e Santorini, Chianti Classico e Fresh, effettuate da Rocca Salimbeni tra il 2008 e il 2012 per coprire le perdite dovute all'acquisizione di Antonveneta. Ad azzerare la sentenza con cui nel novembre 2019 il Tribunale aveva inflitto pene severe, dai 7 anni e mezzo ai 3 anni 5 mesi di carcere, è stata la seconda Corte d'Appello, presieduta da Angela Scalise, con una sentenza che ha respinto le richieste del pg e che è stata accolta con grande gioia tra le difese. Sentenza che ha scagionato l'ex presidente della banca senese Giuseppe Mussari, l'ex dg Antonio Vigni, l'ex direttore finanziario Daniele Pirondini, l'ex capo dell'area finanza Gianluca Baldassarri, e l'ex manager Marco Di Santo. ​

 

E ancora, gli ex dirigenti di Deutsche Bank Ivor Scott Dunbar, Michele Faissola e Michele Foresti, Dario Schirladi, Marco Veroni e Matteo Angelo Vaghi. E poi Sadeq Sayeed e Raffaele Ricci per Nomura. Infine l'assoluzione anche per gli stessi istituti di credito, compresa la filiale londinese della banca tedesca, nei cui confronti è stata revocata la confisca di quasi 153 milioni di euro e annullata la sanzione pecuniaria di tre anni fa di 3 milioni di euro per Deutsche e 3 milioni e 450 mila per la banca nipponica. «Ho scelto di difendermi solo e soltanto dinanzi al mio giudice naturale, non vi è oggi ragione di mutare registro» ha voluto dire Mussari, esprimendo gratitudine nei confronti dei suoi legali, Tullio Padovani, Fabio Pisillo e Francesco Marenghi. I quali hanno commentato: «Questo è il disvelamento di come si esercita il terribile potere di accusa in Italia dove, per fortuna, esiste ancora un giudice, rintanato a Berlino». Baldassarri, in aula come sempre, ha affermato: «Sono molto contento che alla fine sia caduto l'ultimo pilastro di questa vicenda montata sulle menzogne di personaggi privi di scrupoli». «Questa assoluzione arriva dopo un'analoga pronuncia a Siena. La giustizia funziona, gli anticorpi costituzionali hanno reagito. Verrà anche il tempo per rileggere, a mente fredda, una pagina poco felice della nostra storia giudiziaria», ha affermato Francesco Centonze che con Carla Iavarone, assiste Vigni.

«Come avvocato credo molto nella giustizia. Anche oggi è stata fatta» ha commentato Giuseppe Iannaccone, legale di alcuni manager di Deutsche Bank, mentre Francesco Isolabella ha parlato di «giudici coraggiosi» e l'istituto di credito di «validità delle argomentazioni difensive». «È stato riconosciuto - ha dichiarato Guido Alleva, avvocato di Nomura - che il comportamento della banca era stato assolutamente lineare e regolare e che l'operazione conclusa si è svolta nella piena legalità, come abbiamo sempre sostenuto». Intanto oggi Mps ha presentato i conti del trimestre, chiusi con un calo del 92% dell'utile, a 10 milioni di euro, a causa delle maggiori rettifiche su crediti e di un dimezzamento del contributo dal trading, nonostante un ritorno in 'nerò dopo la perdita di 79 milioni dell'ultimo trimestre del 2021.

Il nuovo piano industriale verrà presentato il 23 giugno e dovrà «tener conto dell'evoluzione del mutato scenario economico» che ha costretto Siena ad alzare l'asticella degli accantonamenti a 111 milioni (+50%). Tra le «azioni più urgenti», ha detto l'ad Luigi Lovaglio, c'è la necessità di tagliare i costi e la soluzione del problema dei rischi legali, oggetto di richieste di risarcimento per 1,87 miliardi. «Stiamo andando avanti nella revisione del piano industriale, focalizzandoci su poche e chiare priorità: il sostegno dei nostri clienti, il miglioramento dell'efficienza operativa, il mantenimento di un basso profilo di rischio, la ricostruzione della solidità della banca e della capacità di essere profittevole in modo sostenibile». In Borsa Mps ha chiuso in calo del 5% a 0,72 euro, con gli analisti che attendono maggiori indicazioni dal piano, in particolare sull'ammontare dell'aumento di capitale, al momento fissato in 2,5 miliardi a fronte di una capitalizzazione di 720 milioni.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio, 20:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA