Reggio Emilia, storie truffa su Instagram per vendite fantasma di abbigliamento

Martedì 28 Settembre 2021
Reggio Emilia, storie truffa su Instagram per vendite fantasma di abbigliamento

Avrebbe venduto dei capi di abbigliamento su Instagram senza mai procedere con la spedizione una volta ricevuti i soldi. Ora un 27enne del torinese è accusato si truffa dai carabinieri della stazione di San Polo d'Enza. L'acquirente ha visto una storia su Instagram ed essendo intenzionata ad acquistare quanto indicato nella storia, ha contattato prima per il tramite della messaggistica del social l'inserzionista e poi con WhatsApp con il quale scambiava vari messaggi sulla descrizione dei capi d'abbigliamento e grazie al quale prendeva visione anche di altra storia avente per oggetto sempre la vendita di capi d'abbigliamento femminili.

Decisa ad acquistare i capi la vittima, una 32enne abitante a Canossa, provvedeva attraverso i canali western union e bonifici su carte prepagate a effettuare i pagamenti a rate con l'intesa che al raggiungimento della cifra pattuita, ammontante ad oltre 2.000 euro, avrebbe ricevuto i capi d'abbigliamento acquistati. Una volta saldato il dovuto riceveva rassicurazione sula spedizione dei capi dal truffatore che per farle credere di aver provveduto all'incombenza inviava alla vittima tramite WhatsApp la foto dei documenti attestanti - a suo dire - l'avvenuta spedizione.

Nonostante questo la donna continuava a non ricevere quanto acquistato motivo per cui ha sporto denuncia. L'uomo, un 27enne abitante in provincia di Torino, è stato quindi denunciato per truffa alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia. Il truffatore scoperto ha poi contatto la vittima dichiarandosi disponibile a risarcirla del danno subito.

Fabrizio Corona, assurde frecciate ad Alessandro Del Piero sui social: ecco cosa ha scritto

Ultimo aggiornamento: 29 Settembre, 11:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche