CORONAVIRUS

Coronavirus, dopo Boris Johnson in isolamento anche Carrie Symonds, la compagna incinta del premier

Sabato 4 Aprile 2020
Coronavirus, dopo Boris Johnson in isolamento anche Carrie Symonds, la compagna incinta del premier

Contagiata pure lei: allarme coronavirus anche per Carrie Symonds, compagna e promessa sposa 31enne di Boris Johnson, 55 anni, in attesa di un figlio dal premier conservatore britannico.

Coronavirus, Boris Johnson è positivo. Contagiato anche il ministro Hancock. Nuovo boom Gb: picco di 181 morti
Coronavirus, i dietrofront dei leader che negavano l'emergenza
Londra, il direttore di Lancet attacca Boris Johnson: «Gestione emergenza uno scandalo nazionale»
 

 

Symonds, la prima first lady in Gran Bretagna non sposata al premier, è in isolamento a letto da una settimana con i sintomi del Covid-19, anche se a differenza di Johnson non è stata al momento testata. Il premier è a sua volta auto-isolato da otto giorni con sintomi «lievi» ma persistenti dopo il tampone risultato positivo. La coppia vive al momento in alloggi separati a scopo precauzionale.

 


Carrie Symonds ha diffuso oggi pomeriggio un tweet per confermare le indiscrezioni mediatiche sul proprio auto-isolamento, precisando peraltro di essere in via di miglioramento.

«Non ho avuto bisogno di essere testata - ha scritto - e, dopo sette giorni di riposo, mi sento più forte e sono in via di guarigione».

Conferma anche da Nadine Dorries, sottosegretaria alla Sanità britannica e prima componente del governo Tory di Boris Johnson risultata positiva nelle settimane scorse al coronavirus, che ha fatto sapere di essere stata in contatto con la fidanzata del primo ministro durante tutti questi giorni.

«Ci siamo parlate regolarmente - ha riferito Dorries pure via Twitter - lei ha manifestato ed è passata attraverso i classici segni e sintomi del Covid-19. Ora sta recuperando e si sente meglio giorno dopo giorno. #InThisTogether».

Ultimo aggiornamento: 20:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA