CORONAVIRUS

Virus Germania, 1.000 contagi in un giorno: test obbligatori a chi arriva da paesi a rischio

Giovedì 6 Agosto 2020
Covid-19, boom di contagi in Germania, mai così tanti da maggio: scuole riaperte pochi giorni fa

Nuovo boom di contagi di Covid-19 in Germania, proprio mentre migliaia di studenti tornano ad affollare i banchi di scuola di alcuni suoi stati. Il Robert Koch Institute, l'organizzazione responsabile per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive in Germania, ha registrato nelle ultime 24 ore 1.045 nuovi casi. Era dallo scorso 7 maggio che non si riscontrava un numero così alto. L'aumento dei contagi, secondo i giornali tedeschi, può essere dovuto anche al rientro dei vacanzieri che in alcuni casi ritornano da zone a rischio.

LEGGI ANCHE Coronavirus, a Berlino sfilano negazionisti. In Italia è scontro tra Conte e Salvini

Mentre il numero totale di casi registrati nel paese dall'inizio dell'epidemia raggiunge quota 213.067, con 9175 decessi, il ministro federale della Salute, Jens Spahn, ha annunciato in una conferenza stampa che a partire da sabato la Germania imporrà test obbligatori ai viaggiatori provenienti dai Paesi ritenuti ad alto rischio. In precedenza, ai viaggiatori da questi paesi poteva essere richiesto dalle varie autorità locali di sottoporsi ad un periodo di autoisolamento di 14 giorni, ma i test rimanevano facoltativi. La situazione cominciava a farsi preoccupante anche perché i nuovi casi registrati negli ultimi giorni non erano legati a particolari focolai, ma diffusi un po' ovunque sul territorio. Gli esperti temono che, a causa di questa diffusione generalizzata, sia più difficile poter fermare i contagi con misure restrittive mirate a specifici territori.  

LEGGI ANCHE Coronavirus, in Francia oltre 1300 casi in 24 ore. Ma è Madrid la città europea con più morti

Solo pochi giorni fa le scuole del Meclemburgo-Pomerania occidentale avevano riaperto le proprie porte a oltre 150mila studenti. Secondo l'emittente pubblica Ndr, le mascherine non sono obbligatorie negli istituti scolastici, mentre in Italia la linea dettata dalle autorità sanitarie assieme al ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina, prevede che gli studenti italiani dai 6 anni in su ritornino a scuola con il dispositivo di protezione individuale rigorosamente indossato sul viso. La governatrice del land tedesco, Manuela Schwesig, tuttavia, ha assicurato che saranno prese ulteriori misure in caso di nuovi contagi. La prossima settimana intanto proseguiranno le riaperture delle scuole nei vari lander. 
 

 

 

Ultimo aggiornamento: 19:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA