CORONAVIRUS

Danneggiato il crocifisso «miracoloso»: troppa pioggia durante la preghiera del Papa

Sabato 28 Marzo 2020 di Franca Giansoldati
Danneggiato il crocifisso «miracoloso»: troppa pioggia durante la preghiera del Papa

Pensare che il crocifisso miracoloso che ha fermato la grande peste a Roma nel XVI secolo era scampato persino da un incendio nel 1519 uscendone illeso. Ieri però ha riportato diversi danni dopo la storica preghiera del Papa in piazza san Pietro, culminata con la benedizione urbi et orbi e l'indulgenza plenaria per tutti i malati del coronavirus.

A intaccare l'opera d'arte è stata la pioggia alla quale è stata esposta per tutta la durata della suggestiva celebrazione. Quasi due ore sotto l'acqua hanno gonfiato il legno secolare. Gli stucchi in diversi punti sono saltati, così come parti della leggera vernice antica, in alcune sezioni poi la tempera utilizzata dall'anonimo artista per disegnare il sangue che sgorga dal costato si è allentata, si è increspata la superficie lignea lavorata sui capelli, e rovinati alcuni particolari sulle braccia. I danni sono in fase di valutazione e per questo la statua sarebbe stata ricoverata in fretta e furia in Vaticano dove sono a disposizioni laboratori di ricostruzione e restauro.

Pare che a nessuno ieri pomeriggio sia venuto in mente che un pezzo di antiquariato del genere potesse subire alterazioni sotto il temporale. E ora c'è chi si chiede perché l'antico crocifisso non sia stato collocato altrove, protetto magari sotto la grande tettoia papale, riparato dalla pioggia battente. Avrebbe sottratto poco spazio, vicino allo scranno sul quale sedeva Papa Francesco.

In Vaticano nessuno a livello ufficiale vuole commentare i danni collaterali visibili ad occhio nudo su una opera d'arte di proprietà dello Stato italiano, visto che la Chiesa di San Marcello al Corso - dove è custodito il crocifisso – è sotto la tutela del Fec, il Fondo Edilizia di Culto presso il Ministero dell'Interno. Un fondo che in Italia possiede circa 820 chiese, tra cui alcune di assoluto rilievo storico, artistico e culturale e dove le opere sono catalogate, conservate e tutelate con grande cura. I maligni affermano che la decisione di abbandonare il crocifisso miracoloso alle intemperie sia arrivata dal capo delle cerimonie liturgiche, monsignor Piero Marini, al fine di poter lasciare integra la coreografia essenziale: il Papa da solo sotto la tettoia illuminata, sul sagrato, senza alcun altro elemento.

Di fatto a rovinarsi è stato solo il povero crocifisso perché l'altra opera esposta, la venerata icona mariana della Salus Populi Romani si trovava dentro una teca di pexiglass ultra hi-tech, a tenuta stagna e con un microclima interno sempre uguale. La pioggia non la ha affatto intaccata.

E andata peggio al crocifisso sul quale sono finite secchiate d'acqua. Singolari anche i commenti sul sito VaticanNews che ha descritto l'acqua scrosciante su una opera di legno cinquecentesca come le lacrime del cielo. Dimenticando che il legno antico con l'umidità prolungata rischia quasi di 'esplodere'. Adesso i problemi potrebbero passare alla Sovrintendenza che ha fornito le autorizzazioni al trasporto del crocifisso. Chissà se sarà un miracolo salvarlo. 

Ultimo aggiornamento: 29 Marzo, 15:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA