CORONAVIRUS

Virus, il vescovo ortodosso russo Hilarion si offre come cavia: proverà il vaccino anti-Covid su se stesso

Domenica 26 Luglio 2020
Virus, il vescovo ortodosso russo Hilarion si offre come cavia: proverà il vaccino anti-Covid su se stesso

E' il primo esponente religioso ad offrisi volontario per testare su se stesso il vaccino contro il coronavirus. Il Metropolita Hilarion, capo del dipartimento delle relazioni esterne del Patriarcato di Mosca, si è detto disposto a provare su di se il vaccino Covid-19 quando verrà messo a disposizione. Forse un modo per dare un esempio fattivo all'esercito dei no-vax presente a ogni latitudine. 

«Sono pronto a farlo», ha detto il metropolita a una domanda della televisione Russia-24. 

Vaccino anti-Covid, la Catalent di Anagni pronta a produrre 50 milioni di fiale al mese: ecco come funzionerà

Secondo Hilarion è una lotta contro il tempo e prima questi test avranno successo, e meglio sarà per tutti, perché il rischio di contrarre il coronavirus è sempre alto. «Possiamo notare questo quadro dalle cifre che abbiamo e mostrano che la gente muore ogni giorno», ha detto il numero due del Patriaracato.

Coronavirus, l'Oms: «Vaccino non pronto prima del 2021»

Il totale delle vittime in Russia ha raggiunto quota 13.269. Secondo il Centro di crisi anti-coronavirus negli ultimi cinque giorni si stima ci sia stato un aumento dei contagi dello 0,7% circa. In base ai dati raccolti dalla John Hopkins University, la Russia è il quarto Paese al mondo per contagi dopo Stati Uniti, Brasile e India. È seguita invece da Sudafrica, Messico, Perù, Cile e Regno Unito

 

Ultimo aggiornamento: 15:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA