Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Emergenza rifiuti a Roma, dall'ufficio alla strada: così Ama mobilita 300 nuovi netturbini

I dipendenti verranno mandati a guidare i camion o a spazzare i marciapiedi

Sabato 4 Giugno 2022 di Francesco Pacifico
Emergenza rifiuti a Roma, dall'ufficio alla strada: così Ama mobilita 300 nuovi netturbini

Trasferiti in 300 dalla scrivania di un ufficio o da una postazione in una guardiania e mandati in strada per fare da ispettori, per guidare i camion o, in alcuni casi, per spazzare i marciapiedi. Stretta in Ama per ridurre il numero degli inidonei - attualmente sono 1.500 ma con diverse gradi - i dipendenti che per le loro condizioni di salute sono costretti a non poter svolgere tutte le mansioni chieste agli operai della municipalizzata dei rifiuti. Dall'azienda ci tengono a sottolineare che «non si tratta di lavoratori imboscati o di falsi invalidi», ma di gente alla quale, negli ultimi anni, non è più stato valutato il livello di inidoneità, che in tantissimi casi è temporaneo. Sì, perché gli attuali amministratori di Ama hanno notato che i loro predecessori avevano interrotto da almeno un biennio le visite di controllo: di più, ce n'erano circa 5mila in giacenza. Risultato? Con il ritorno in campo delle commissioni mediche, si è scoperto che rispetto al passato 300 dipendenti potevano coprire mansioni più onerose dal punto di vista fisico: persino guidare un mezzo o spazzare le strade.

Roma sommersa dai rifiuti, la rivolta dei cittadini: boom di ricorsi contro la Tari


Non poco per via Calderon de La Barca, in una fase nella quale la municipalizzata lamenta un deficit di personale di almeno 500 addetti ed è tornata nell'occhio del ciclone per i ritardi nel ritiro dei rifiuti in alcune zone della Capitale o per le tante vie del Centro coperte da cartacce e bottiglie.

Una situazione che sta allarmando non poco il sindaco Roberto Gualtieri. Il quale, ieri, ha convocato in Campidoglio i vertici di Ama e i dirigenti del dipartimento Rifiuti, preoccupato perché da mercoledì prossimo Rida, uno dei principali fornitori di via Calderon de La Barca, chiuderà per 10 giorni il suo Tbm per manutenzione, costringendo l'azienda a trovare altre ditte per trattare circa mille tonnellate di indifferenziato al giorno. Il primo cittadino si sarebbe anche lamentato perché avrebbe registrato interruzioni nella catena delle informazioni sui flussi tra il Campidoglio e la municipalizzata, poco controllo sulla raccolta di bar e ristoranti, qualche gap nella programmazione e nelle previsioni sulla produzione dei rifiuti, che ormai sfiora le 20mila tonnellate a settimana. In quest'ottica è stata istituita una cabina di regia coordinata dal capo di gabinetto del sindaco, Albino Ruberti, la stessa Ama e l'assessorato all'Ambiente che da lunedì monitorerà in tempo reale con i Municipi le attività di raccolta e di spazzamento così come le disponibilità degli sbocchi. Al riguardo non sarebbero stati ancora trovati Tmb, tritovagliatori e inceneritori in tutt'Italia per conferire tutte le mille tonnellate destinate a Rida: di sicuro la metà sarà inviata nel Frusinate alla Saf.

Rifiuti a Roma, altolà di Gualtieri. Convocati i mini-sindaci: «La città non è pulita»


IL VERTICE
Alla riunione di ieri Gualtieri e Ama avrebbero concordato di utilizzare i poteri di commissario ai rifiuti appena concessi dal governo (quelli necessari per costruire il termovalorizzatore) per velocizzare le procedure per le gare per i nuovi mezzi e per assegnare il ritiro delle utenze non domestiche di bar e ristoranti così come le pratiche per reclutare personale. Al riguardo, oltre ai 150 addetti che entreranno nella municipalizzata entro giugno, il Comune si sarebbe detto pronto ad autorizzare l'ingresso di altri 400 addetti. Sempre ieri il Campidoglio ha approvato in giunta una proroga fino al 31 dicembre al contratto di servizio per Ama. Poi lunedì la Regione dovrebbe sciogliere i primi nodi posti dalla Ecoambiente - soprattutto sull'interdittiva antimafia che grava sul proprietario dell'area, la Pontina ambiente - per riaprire la discarica di Albano.

 


Intanto montano le critiche all'amministrazione. Parla di «situazione rifiuti evidentemente fuori controllo» Flavia De Gregorio di Azione. Andrea De Priamo (FdI) lamenta maggiori criticità in periferia. Secondo la Fp Cgil, «vanno affrontati i veri problemi che sono alla base dei disagi che vive la città per i rifiuti e non fare come in passato quando si cercavano solo capri espiatori criminalizzando i lavoratori. Confcommercio ha chiesto un tavolo permanente di confronto con il Comune, mentre dal fronte degli albergatori, Giuseppe Roscioli spiega che «serve una migliore organizzazione».

Ultimo aggiornamento: 5 Giugno, 13:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA