Folle corsa in auto durante il lockdown,
per il 17enne scatta la messa alla prova

Giovedì 18 Febbraio 2021 di Viviana De Vita
Folle corsa in auto durante il lockdown, per il 17enne scatta la messa alla prova

In pieno lockdown, aveva sfidato i divieti di spostamento per correre dalla fidanzata. Da Vietri a Salerno, senza patente, aveva preso di nascosto l’auto di famiglia. Non si era fermato nemmeno al posto di blocco dei carabinieri che stavano eseguendo i controlli in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica e, in seguito ad un rocambolesco inseguimento, si era schiantato prima contro un muro, poi contro un’auto parcheggiata lungo la strada. Si è presentato davanti al gip del tribunale per i minorenni, il 17enne di Molina protagonista lo scorso 5 aprile del rocambolesco inseguimento a tutta velocità per le strade della città. Assistito dall’avvocato Francesco Guerritore, a carico del giovane è stata avanzata richiesta di messa alla prova: saranno gli assistenti sociali a stilare un programma che sarà ufficializzato solo nel corso della prossima udienza prevista per il 18 maggio. Resistenza a pubblico ufficiale è l’accusa contestata al ragazzino già sanzionato amministrativamente sia per la violazione delle norme anticovid sia per guida senza patente, fuga e velocità elevata così come prevede il codice della strada.

 

Ultimo aggiornamento: 08:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA