CORONAVIRUS

Covid, Wuhan da focolaio a città dei sogni ora rilancia la sua immagine: «Venite e abbracciamoci, la gente qui è felice»

Sabato 14 Novembre 2020 di Michele Galvani
Covid, Wuhan da focolaio a città dei sogni rilancia la sua immagine: «Venite e abbracciamoci, la gente qui è felice»

Wuhan, l'epicentro della pandemia Covid-19, adesso prova a rilanciarsi: le autorità della città cinese hanno rilasciato un nuovo video per promuoversi nel mondo dopo aver sconfitto il nuovo coronavirus. La clip pubblicitaria, chiamata «Incontriamoci a Wuhan», è destinata a rispolverare l'immagine della città massacrata dal virus con le sue iconiche attrazioni turistiche, i residenti felici, i quartieri vivaci e i grattacieli. Sede di circa 11 milioni di persone, la capitale della provincia cinese ha attirato l'attenzione internazionale lo scorso dicembre, quando il coronavirus è scoppiato per la prima volta lì prima di diffondersi in tutto il mondo, uccidendo circa 1,3 milioni di persone in tutto.

Covid, il miracolo di Taiwan (23 milioni di abitanti): «Da 200 giorni nessun positivo senza chiusure né coprifuoco»

Covid, la virologa cinese disse: virus creato in laboratorio. Gli scienziati: «Ha fatto copia e incolla da un blog»

La Cina è stata ampiamente accusata di aver coperto la sua epidemia iniziale, in particolare la trasmissione da uomo a uomo, portando la crisi sanitaria a diventare una pandemia globale senza precedenti. Alcuni paesi occidentali e critici hanno anche chiesto indagini indipendenti sulle origini del virus, che inizialmente era collegato a un mercato di Wuhan in cui venivano scambiati animali selvatici vivi. Il sindaco di Wuhan, Zhou Xianwang, ha confessato a gennaio che il suo governo non aveva «rilasciato in tempo le informazioni relative al virus» a causa della mancanza di autorizzazione da parte dei superiori. Zhou ha anche ammesso che circa cinque milioni di residenti di Wuhan avevano lasciato la città prima che venisse chiusa il 23 gennaio per contrastare la diffusione della malattia. Il coronavirus ha ucciso 3.869 persone e infettato 50.352 a Wuhan, secondo i dati ufficiali.

 

L'ultimo trailer di Wuhan è stato caricato venerdì sulle piattaforme dei social media dall'autorità del turismo della città. Mira ad attirare le persone che vivono in altre città cinesi e in tutto il mondo a visitare la capitale della provincia di Hubei, dove la vita è tornata alla normalità. «Wuhan non è mai avara nel presentare la sua bellezza e noi, che la amiamo, speriamo che più persone possano capire», ha scritto su Weibo, l'equivalente cinese di Twitter, l'Ufficio per la cultura e il turismo di Wuhan. «Non vediamo l'ora di incontrarti a Wuhan», continuava il post. La notizia è arrivata quando l'autorità sanitaria cittadina ha affermato di aver rilevato il coronavirus sulla confezione di un lotto di carne bovina brasiliana. La città ha intensificato i test di cibi congelati questa settimana come parte di una campagna nazionale.

Covid, il racconto di un italiano a Shanghai: «Il mio ristorante pieno da un mese, senza restrizioni e lockdown»

Covid, a Wuhan si torna in discoteca: senza mascherina e distanziamento

La Commissione sanitaria municipale ha dichiaratosul suo sito Web di aver trovato tre campioni positivi sulla confezione esterna di carne bovina congelata e disossata proveniente dal Brasile. La carne bovina era entrata nel paese al porto di Qingdao il 7 agosto prima di raggiungere Wuhan il 17 agosto, dove è rimasta in una cella frigorifera fino a poco tempo fa. Ma il lotto di prodotti in questione non sarebbe entrato nel mercato. Più di 100 dipendenti della struttura di Wuhan sono stati sottoposti a test e sono stati prelevati 200 campioni ambientali. Secondo la Commissione sanitaria nazionale cinese, 4.634 persone sono morte di Covid e 86.307 hanno contratto la malattia nel paese. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 19:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA