Caffè, due tazzine al giorno riducono i rischi di problemi cardiaci e morte prematura

Una tazza di caffè
Una tazza di caffè
di L. Jatt.
Giovedì 29 Settembre 2022, 16:12 - Ultimo agg. 30 Settembre, 13:03
4 Minuti di Lettura

Bere da due a tre tazze al giorno della maggior parte dei tipi di caffè può proteggerti dalle malattie cardiovascolari e da una morte precoce, secondo un nuovo studio. E' quello che riporta la CNN in un articolo apparso sul suo sito online. «I risultati - dicono gli esperti - suggeriscono che l’assunzione da lieve a moderata di caffè macinato, istantaneo e decaffeinato dovrebbe essere considerata parte di uno stile di vita sano»: così l’autore dello studio Peter Kistler, capo della ricerca di elettrofisiologia clinica presso il Baker Heart and Diabetes Institute e capo di elettrofisiologia presso Alfred Ospedale di Melbourne.

Pronto soccorso, undici ore di attesa con una crisi cardiaca: accuse all'ospedale

Caffè, riduzioni significative del rischio

I ricercatori hanno riscontrato “riduzioni significative” del rischio di malattie coronariche, insufficienza cardiaca congestizia e ictus per tutti e tre i tipi di caffè. Tuttavia, solo il caffè macinato e istantaneo con caffeina ha ridotto il rischio di un battito cardiaco irregolare, cioè l’aritmia. Il caffè decaffeinato non ha ridotto tale rischio, secondo lo studio pubblicato mercoledì scorso sull’European Journal of Preventive Cardiology.
Studi precedenti hanno anche scoperto che quantità moderate di caffè nero - tra 3 e 5 tazze al giorno - dimostarno la possibilità di ridurre il rischio di malattie cardiache, così come Alzheimer, Parkinson, diabete di tipo 2, malattie del fegato e cancro alla prostata.

«Questo studio si aggiunge al corpo di prove provenienti da studi osservazionali che associano il consumo moderato di caffè alla cardioprotezione, il che sembra promettente», ha affermato da parte sua Charlotte Mills, docente di scienze nutrizionali presso l’Università di Reading nel Regno Unito. 

Lo studio ha utilizzato i dati della biobanca britannica, un database di ricerca che conteneva le preferenze di consumo di caffè su quasi 450.000 adulti che all’inizio dello studio non presentavano aritmie o altre malattie cardiovascolari. Sono stati divisi in quattro gruppi: quelli che hanno apprezzato il caffè macinato con caffeina, quelli che hanno scelto il caffè decaffeinato, quelli che hanno preferito il caffè istantaneo con caffeina e quelli che non hanno bevuto affatto caffè.

Il caffè alza il colesterolo? I rischi per la salute

Caffè. l'esame delle cartelle cliniche

Dopo una media di 12,5 anni, i ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche e i decessi per segnalazioni di aritmia, malattie cardiovascolari, ictus e morte. Dopo aver aggiustato per età, diabete, etnia, pressione alta, obesità, apnea ostruttiva del sonno, sesso, fumo e consumo di tè e alcol, i ricercatori hanno scoperto che tutti i tipi di caffè erano collegati a una riduzione della morte per qualsiasi causa.
«La caffeina è il costituente più noto del caffè, ma la bevanda contiene più di 100 componenti biologicamente attivi», ha affermato Kistler, che ricopre incarichi congiunti come professore di medicina presso l’Università di Melbourne e la Monash University. «È probabile che i composti non contenenti caffeina fossero responsabili delle relazioni positive osservate tra consumo di caffè, malattie cardiovascolari e sopravvivenza», ha affermato Kistler.
Inoltre, anche il modo in cui viene preparato il caffè può influire sui suoi benefici per la salute. Il caffè filtrato cattura ad esempio un composto chiamato cafestol che esiste nella parte oleosa del caffè. Cafestol può aumentare il colesterolo cattivo o LDL (lipoproteine a bassa densità). Tuttavia, l’uso di una pressa francese, una caffettiera turca o un caffè bollente (come spesso accade nei paesi scandinavi), non rimuove il cafestol.
E, infine, i benefici del caffè non si applicano ai bambini: anche gli adolescenti non dovrebbero bere caffè, bevande energetiche o altre bevande con qualsiasi quantità di caffeina, secondo l’American Academy of Pediatrics.

Ictus ed emorragie, come riconoscerle e prevenirle: ecco la (nuova) guida del Ministero

© RIPRODUZIONE RISERVATA