Britney Spears sta male, la malattia annunciata sui social: «Ho un danno incurabile ai nervi, quando mi sveglio non sento le mani»

La popstar ha raccontato di avere dei danni permanenti ai nervi

Britney Spears sta male, la malattia annunciata sui social: «Ho un danno incurabile ai nervi, quando mi sveglio non sento più le mani»
Britney Spears sta male, la malattia annunciata sui social: «Ho un danno incurabile ai nervi, quando mi sveglio non sento più le mani»
Lunedì 7 Novembre 2022, 11:07 - Ultimo agg. 9 Novembre, 09:38
3 Minuti di Lettura

Britney Spears non sta bene. Lo ha confessato proprio lei, alla sua maxi platea di follower su Instagram (oltre 41 milioni di persone). La popstar ha raccontato di avere dei danni permanenti ai nervi che le causano problemi al lato destro del corpo. In un video sui social ha parlato dei problemi di salute con cui sta convivendo e lo ha fatto condividendo un altro dei suoi video mentre balla. Ha rivelato che «non esiste una cura» per il suo danno ai nervi, ma ha scoperto che ballare aiuta ad alleviare alcuni dei sintomi.

Britney Spears torna sulla scena musicale in duo con Elton John: si parla di una cover di “Tiny dancer”, brano del 1971 della popstar inglese

I danni ai nervi di Britney Spears

«I danni ai nervi sono causati a volte quando non si fornisce abbastanza ossigeno al cervello. Il cervello si spegne letteralmente. Il danno ai nervi fa diventare insensibili parti del tuo corpo. E infatti io mi sveglio tre volte a settimana nel letto con le mie mani completamente intorpidite e con la sensazione di spilli e aghi sul lato destro del corpo. Mi sale fino al collo e la parte che mi fa più male sono le tempie. Punge ed è spaventoso».

Per fortuna, racconta Spears, i suoi problemi di salute sono decisamente migliorati di recente. Anche grazie a una "terapia" naturale come quella della danza. «I miei occhi sono più aperti ora e posso tenere la testa correttamente in alto. Ho fatto un buon lavoro cercando di farcela. Ad ogni modo sto migliorando molto, riesco a respirare».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA