«Ibrahimovic razzista via da Sanremo», rivolta social: «La Rai cancelli la sua presenza». Ma Zlatan precisa: siamo tutti della stessa razza

Mercoledì 27 Gennaio 2021 di Veronica Cursi
«Ibrahimovic razzista via da Sanremo», rivolta social: «La Rai cancelli la sua presenza». Ma Zlatan precisa: siamo tutti della stessa razza

Cartellino rosso per Ibrahimovic. Il calciatore milanista rischia la squalifica non solo in campo ma anche a Sanremo dove la sua partecipazione (strapagata) è prevista per tutte le serate del Festival. Dopo la rissa sfiorata nel derby di Coppa Italia di martedì tra Ibrahimovic e Lukaku, in cui lo svedese avrebbe gridato al collega «Go to do your voodoo sh**, little donkey» (vai a fare il voodoo, piccolo asino), le cose infatti potrebbero cambiare. Il popolo social grida al razzismo e chiama in causa la Rai.«Che ne dice la Rai del superospite di Sanremo che è un razzista spudorato? Io non lo vorrei pagare coi miei soldi, grazie», scrive qualcuno. E ancora: «Mi auguro che dopo lo sgradevole episodio dell'altra sera  i dirigenti Rai decidano di cancellare la sua presenza a Sanremo».

«Nel mondo di ZLATAN non c'è posto per il RAZZISMO. Siamo tutti della stessa razza - siamo tutti uguali !! Siamo tutti GIOCATORI alcuni meglio di altri», il tweet di Ibrahimovic, che ha anche postato un video su Instagram.

 

Lite Ibrahimovic-Lukaku e rissa sfiorata: riti voodoo e scommesse, ecco com'è nata

Cosa è successo

Ma cosa è successo davvero in campo martedì sera? Tutto è nato da un fallo di Romagnoli sull'attaccante dell'Inter, che non ha reagito bene. A difendere il suo capitano ci ha pensato Zlatan, che è intervenuto e ha cominciato un battibecco a distanza con Romelu. Telecamere e i microfoni  hanno intercettato le frasi incriminate. Ibra avrebbe detto: «Chiama tua mamma, vai a fare i tuoi riti voodoo di m***a, piccolo asino». L'arbitro Valeri li ha ammoniti entrambi ma il battibecco è continuato nei tunnel degli spogliatoi. Il centravanti belga, prima di uscire dal campo, ha urlato a Ibra: «Vuoi parlare di mia madre? Vieni qui, vuoi parlare di mia madre?».

#ibranograzie

Sui social (Twitter in particolare) è impazzato l'hashtag #ibranograzie. «Quello di #Ibrahimovic è un caso di #razzismo chiaro, senza nessuna scusante, ma nessuno farà niente... siamo in Italia (in Inghilterra Cavani ha preso 5 giornate per un tweet). Giocherà la prossima e andrà a Sanremo». «Non vedo l'ora di sentire che insulti razzisti Ibrahimovic rivolgerà ai cantanti al prossimo festival di Sanremo». «Se #ibrahimovic farà parte di Sanremo dopo quello che è successo,  la società ha grandi problemi di educazione. Che Cultura trasmetterà?». «E li portano pure a #Sanremo sti fenomeni #Ibrahimovic ospite fisso sul palco! Strapaghiamolo pure...». Cosa deciderà la Rai?

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio, 16:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA