Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Loreto Mare: il giorno dopo lo scandalo poca voglia di parlare

Sabato 25 Febbraio 2017
Video

(di Andrea Ruberto)

C'è stato chi non si è presentato al lavoro stamattina all'Ospedale Loreto Mare, dove nella notte tra il 23 ed il 24 febbraio i Carabinieri hanno compiuto un blitz anti-assenteismo, arrestando 55 tra medici, infermieri, operatori socio-sanitari ed amministrativi, mentre 94 sono gli indagati. «Qualcuno si vergognava», dice all'ANSA un dipendente dell' Ospedale. Per coprire i vuoti di organico la direzione sanitaria ha convocato i dipendenti in reperibilità ed ha bloccato le licenze. Tensione si è avuta in alcuni reparti, con scambi di accuse reciproche, sulla responsabilità delle segnalazioni anonime dai quali ha preso spunto l'inchiesta sull'assenteismo. Il reparto radiologia del Loreto Mare era fonte di continue proteste da parte degli utenti, che chiedevano spiegazioni sulle lunghe attese dovute all'assenza di medici e tecnici. «I radiologi gestivano i turni come volevano. La direzione veniva informata - racconta un infermiere - c'era molto malcontento, ma non c'erano conseguenze ed a chi protestava veniva risposto 'fate denuncià. Doveva per forza finire così». Tra gli indagati vi sono un sindacalista della Cisl, il sindacato più forte tra gli 800 dipendenti del Loreto Mare ed uno della Uil. Intanto stamattina, gli apparecchi marcatempo sono stati presi d'assalto ed anche chi normalmente strisciava il badge in ritardo, giustificandosi, si è presentato in orario.

Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio, 17:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA