CORONAVIRUS

​Coronavirus, Terna: i dipendenti donano un'ora di stipendio e l'azienda raddoppia l'importo

Mercoledì 1 Aprile 2020
​Coronavirus, Terna, i dipendenti donano un'ora di stipendio e l'azienda raddoppia l'importo

Nei giorni difficili del coronavirus, scatta in Terna un'iniziativa di solidarietà dei lavoratori promossa dalle organizzazioni sindacali confederali a sostegno del Sistema Sanitario Nazionale in coordinamento con il Dipartimento della Protezione Civile. Si tratta di donare un’ora della propria retribuzione per il potenziamento delle strutture di terapia intensiva del Sistema Sanitario Nazionale e per l’acquisto di dispositivi di protezione personale: questa è l’iniziativa dei dipendenti di Terna, il gestore della Rete Elettrica Nazionale, promossa dalle organizzazioni sindacali confederali.

Terna, passaggio dal watt al byte: il futuro dell'energia sarà digitale
Addio al carbone, a partire dal 2025 tanto sole e vento
 
Entro il 7 aprile le oltre 4.000 persone dipendenti di Terna potranno devolvere un’ora di retribuzione per contribuire alla gestione dell’emergenza causata da Covid-19 e l’azienda, che ha prontamente aderito all’iniziativa, parteciperà a sua volta con una donazione pari all’importo raccolto dai suoi lavoratori.
 
Questa è una delle iniziative di solidarietà messe in campo da Terna e dai suoi dipendenti per contribuire fattivamente alle necessità sanitarie su tutto il territorio nazionale. A partire dal 22 febbraio, infatti, il gestore della rete elettrica italiana ha convocato immediatamente un Comitato di Crisi, presieduto dall’Amministratore Delegato Luigi Ferraris, impegnato nella gestione interna ed esterna dell’emergenza al fine di mantenere elevato il livello di sicurezza del sistema elettrico nazionale. Tra i provvedimenti di solidarietà assunti, il Comitato ha deliberato due donazioni a favore del Dipartimento della Protezione Civile per l’acquisto rispettivamente di DPI (mascherine e guanti) e di ventilatori per la terapia intensiva.
 
Il gesto di solidarietà dei dipendenti di Terna – a cui si affianca un’analoga iniziativa promossa dai dirigenti del gruppo -  è volto a sottolineare la vicinanza a tutti coloro che oggi sono costretti a ricorrere alle cure urgenti dei presidi ospedalieri, ai sanitari e anche a tutti i colleghi che ogni giorno sono impegnati operativamente su tutto il territorio nazionale per garantire, in sicurezza, un servizio pubblico essenziale, la trasmissione e il dispacciamento dell’energia elettrica nel Paese, tutti i giorni per 24 ore al giorno.
 
Tra le misure di sicurezza previste, è stato adottato lo smart working per tutti i lavoratori che non rivestono ruoli operativi. Attualmente sono circa 2.800, pari al 70% del totale, le risorse che lavorano da remoto. Infine, per tutti i dipendenti, l’azienda ha sottoscritto una specifica copertura assicurativa che comprende un’indennità giornaliera in caso di ricovero e di convalescenza, oltre a misure di assistenza successive al ricovero.

Ultimo aggiornamento: 17:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA