Covid a Napoli, sui social la festa (vietata) della prima comunione con tanto di neomelodici

Covid a Napoli, sui social la festa (vietata) della prima comunione con tanto di neomelodici
di Antonio Folle
Domenica 18 Ottobre 2020, 22:00
3 Minuti di Lettura

Una festa con decine di invitati in un ristorante di Marigliano con tanto di concerto con cantanti neomelodici, mancato rispetto delle distanze interpersonali e assoluta assenza di mascherine. Numerosi video diffusi su Facebook e Instagram oggi pomeriggio ritraggono Enzo Barone, una celebrità nell'hinterland di Napoli, esibirsi a quella che presumbilmente è una festa per celebrare una prima comunione. 

Nei video girati dagli invitati alla festa e dal management del cantante si possono notare gli invitati - addossati gli uni agli altri - che partecipano con entusiasmo allo show, con tanto di fazzolettata. In pochi minuti sono stati tantissimi i commenti negativi piovuti sulle varie pagine che hanno diffuso i video dello spettacolo, al punto da spingere gli stessi autori a rimuoverli. 

A poche ore dalla diffusione degli ultimi dati sull'aumento dei contagi da Covid-19 resta da comprendere come sia possibile per una struttura ricettiva - nonostante gli annunci di controlli più serrati da parte delle forze dell'ordine - organizzare feste private con la presenza di un numero così elevato di invitati. Secondo l'ultima normativa varata, infatti, le feste in spazi pubblici e privati che prevedono la perticipazione di invitati estranei al nucleo familiare del festeggiato sono severamente vietate. 

E stando ai video pubblicati sulla pagina dell'agente del noto neomelodico la festa di oggi pomeriggio non è la sola a cui il cantante ha partecipato nelle ultime ore. In un video pubblicato venerdì, infatti, si può notare lo stesso Barone esibirsi a una festa di matrimonio a cui hanno partecipato decine di invitati del tutto sprovvisti di mascherine e in mancanza di qualsiasi forma di distanziamento sociale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA