Via Aniello Falcone a Napoli, tifo da stadio con fumogeni: l'ira dei residenti

Tifo da stadio nel salotto della Napoli bene: un decalogo per il cittadino vittima della movida 
selvaggia
di Eduardo Improta

«Negli ultimi anni assistiamo ad una rapida ed incontrollata trasformazione delle città che incide pesantemente sulla vivibilità e sul patrimonio monumentale, artistico e culturale - recita il manifesto “Per la città di Napoli e la vivibilità cittadina” -  per effetto della liberalizzazione delle attività produttive, infatti, si moltiplicano gli esercizi commerciali di vendita di alimenti e bevande: bar, baretti, locali ed esercizi cosiddetti di vicinato che, per attrarre il maggior numero possibile di clienti, si trasformano in vere e proprie discoteche all'aperto o al chiuso, in fabbricati che hanno esclusiva vocazione residenziale, nella stragrande maggioranza dei casi in modo assolutamente abusivo, violando sia le regole di normale e civile convivenza, sia tutte le normative a tutela della città e del cittadino, mettendo a rischio anche l'ordine, la sicurezza e la salute pubblica, per l'incontrollato ammassarsi di migliaia di giovani e meno giovani in strade e piazza, tal volta, di ridotte dimensioni.

A ciò si aggiungono esibizioni estemporanee di artisti di strada percussionisti, “bonghisti” ed abili maestri dell’arte “amplificata” che sia di giorno che di notte esercitano le loro doti attirando centinaia di persone. L'effetto dello sviluppo "spontaneo" di attività economiche che, per farsi concorrenza, aggirano ogni regola, cercando di conquistare clienti a colpi di "cicchetti" e decibel sparati in strade, piazze e agglomerati urbani del centro storico e di altri quartieri, mina alla base la vivibilità della città».

Anche via Aniello Falcone, che fino a poco tempo fa era considerato il salotto buono della Napoli bene, è peggiorata e nelle ore notturne, come si vede nel video amatoriale di un cittadino, i centinaia di giovani creano il tifo da stadio dando anche fuoco ai fumogeni.
 


Il chiasso, gli schiamazzi  notturni, i rumori talvolta assordanti, la clientela che chiacchiera fuori dal locale, la musica ad alto volume sono tutti sintomi di fortuna e di incassi per bar ed esercizi commerciali.

Il diritto alla salute è un diritto costituzionale, deve essere tutelato e non può essere pregiudicato per nessuna ragione. Il disturbo alla quiete del cittadino è spesso causato da manifestazioni sonore moleste e da vari fenomeni di illegalità che, quando disturbano la pace e la tranquillità domestica, sono sempre illecite.

Per combattere e difendere il cittadino vittima della movida selvaggia il “Comitato per la quieta pubblica napoletana e la vivibilità cittadina” ha redatto un vero e proprio decalogo con le norme da seguire, prima tra tutte la chiamata alle forze dell’ordine (113 Polizia, 112 Carabinieri. 081-7957111 Polizia Municipale).
Mercoledì 24 Aprile 2019, 10:24 - Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 08:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-04-26 10:19:00
@sbroccolo - quando passo per via anello falcone di notte devo fare una bella suonata di clacson, così per fare allegria
2019-04-25 11:35:15
@eddielosvelto finalmente uno con il cervello stanco di sentire sempre questi piagnistei di figli di papà viziati che piangono perché qualcuno gli ruba il giocattolo...ma vedete e commentate le cose serie di questa città che ha tanto di cui discutere seriamente invece di queste cretinate. Uno si preoccupa dei sui 800k ma chi se ne frega quando ci sono migliaia di persone che neanche ce l’hanno una casa.
2019-04-25 09:47:11
@sbroccolo - adesso davvero non capisco, se vuoi slvaguardate la tua salute, accetti il mio consiglio e te ne vai sopra dai monaci ma a quanto pare ti stai piangendo i soldi della casa che è svalutata. Ma non è svalutata solo per la movida un lettore ha centrato il problema parcheggio che è quello principale. Quindi vuoi dormire ma ti stanno a cuore più i sordi che potresti perdere vendendo evidentemente. Allora devi sopportare. Buonanotte.
2019-04-25 05:34:52
I napoletani sono famosi perche' sono svegli ed hanno facilita' ad arrangiarsi per poter guadagnare soldi: se nessuno li controlla e li costringe al rispetto delle leggi, in troppi dimenticano qualsiasi regola del vivere civile e del rispetto degli altri pensando solo al loro tornaconto. Serve vigilanza continua , non esiste altro modo di fermare il degrado.
2019-04-25 04:33:00
Caro avvocato (sbroccolo) il valore delle case a via Aniello Falcone è sceso per due motivi (a premetto la mia laurea in economia e commercio mi aiuta in questo) il primo deriva dal calo assoluto dei valori immobiliari e il secondo perché grazie a lei non ci sono più parcheggi...lei se la comprerebbe una casa 800k dove non si riesce a trovare nemmeno un buco per parcheggiare...ma la faccia finita di dire sempre le stesse cretinate...senza senso...

QUICKMAP