Premio Sorrento nel Mondo, sette i riconoscimenti per il 2022

Giovedì 26 Maggio 2022 di Massimiliano D'Esposito
Sorrento nel Mondo 2022 i premiati

Sono sette i riconoscimenti attribuiti per l’edizione 2022 del Premio «Sorrento nel Mondo», fondato nel 1997 ed organizzato dal Lions Club penisola sorrentina con l’obiettivo di attribuire un riconoscimento ed esprimere gratitudine a quanti hanno onorato la terra delle sirene e ne hanno diffuso le bellezze ed i pregim anche fuori i suoi confini. La cerimonia di premiazione è in programma per sabato 28 maggio alle ore 18 presso la sala Tasso del Comune di Sorrento, con i saluti del sindaco, Massimo Coppola e l’introduzione del presidente del Lions Club penisola sorrentina, Giovanni Guarracino e del presidente della III Circoscrizione Lions, Luigi Caccavale. Conduce il giornalista Antonino Siniscalchi.

Verranno premiati Giuseppe Amitrano, Chief Executive Officer di Dils, Giovanni Avallone, Co-Founder & Chief Innovation Officer di Caracol, Paolo Cappiello, General Director Southern Europe Zenith Watches, Fausta Cinque, Sales & Operations Director Sephora Italia, Ughetta Ercolano, Senior Vice President Content Southern Europe Dazn, Gaia Girace, attrice, Neil Palomba, Executive Vice President & Chief Operations Officer Carnival Cruise Line. Nell’albo d’oro della manifestazione figurano, tra gli altri, l’armatore Gianluigi Aponte, l’ex direttore del Giro d’Italia Carmine Castellano, l’ex direttore Rai Francesco Pinto, il giornalista Gianpiero Scarpati del Tg1, il contrammiraglio Luigi Giardino, il maestro Uto Ughi e lo chef Gennaro Esposito.

«Lo storico appuntamento con il premio “Sorrento nel Mondo” è sicuramente la migliore occasione per rendere omaggio alle nostre migliori professionalità, che si sono già distinte in ogni ambito – sottolinea il sindaco di Sorrento, Massimo Coppola -. Quest’anno, in occasione della XXIV edizione, i riflettori saranno puntati su giovani manager i quali, grazie al loro valore, hanno dato lustro al buon nome della penisola sorrentina tanto a livello nazionale quanto a livello internazionale. Si tratta di uomini e donne ai quali dobbiamo tributare la nostra riconoscenza per l’essere stati in grado di interpretare, nel migliore dei modi possibili, la qualità delle risorse umane che può esprimere il nostro territorio».

Conforme allo spirito lionistico l’obiettivo della manifestazione, finalizzato a tenere sempre più vivo l’amore per la propria terra, con l’augurio che, attraverso l’esempio dei premiati i giovani trovino maggiori stimoli al fine di impegnarsi per la propria comunità. Il premio, consiste in una medaglia di conio speciale su disegno originale del maestro Vincenzo Stinga, raffigurante una sirena che regge in mano lo stemma dei Lions che campeggia sul panorama di Sorrento, che vi fa da sfondo, e in una pergamena con le motivazioni del riconoscimento.

«Sono trascorsi 58 anni da quando, nel marzo del 1964, il professore Carlo Maria Iaccarino, in un albergo di Sorrento, spiegò ad alcuni notabili della zona il significato di essere “Lions” – sottolinea il presidente Giovanni Guarracino -. Nacque il Lions Club Penisola Sorrentina e con esso la passione per il “We Serve” e la condivisione dei principi etici e degli scopi dell’associazione che promuove il rispetto e la tutela dei diritti umani, al di sopra e al di fuori di ogni divergenza ideologica. Tra i più significativi il premio “Sorrento nel mondo”, finalizzato a tenere sempre più vivo l’amore per la propria terra e perché i giovani, attraverso l’esempio dei premiati, continuino ad impegnarsi per la promozione sociale e culturale del proprio paese. Quest’anno il premio viene assegnato a giovani, imprenditori e artisti, che operano nei più diversi settori, che hanno saputo cogliere le sfide del presente, crescere ed essere competitivi sui mercati globali. Sono i giovani che costituiscono quel patrimonio di iniziativa, ingegno e creatività che onora la Penisola Sorrentina, sono loro la forza di oggi e di domani».

© RIPRODUZIONE RISERVATA