Biotecnologie, a Città della Scienza la Biotech Week sabato 2 e domenica 3 ottobre

Giovedì 30 Settembre 2021
Biotecnologie, a Città della Scienza la Biotech Week sabato 2 e domenica 3 ottobre

Anche quest’anno Città della Scienza partecipa alla Biotech Week: una settimana di eventi e incontri in tutto il mondo, promossa in Italia da Assobiotec-Federchimica, per raccontare a un pubblico vasto ed eterogeneo il ruolo sempre più importante delle biotecnologie nel migliorare la qualità della nostra vita grazie ai loro diversi settori di applicazione (dalla terapia alla diagnostica, dall’agroalimentare ai processi industriali, passando per il risanamento ambientale fino alle energie rinnovabili, solo per citarne alcuni). 

L’appuntamento con la manifestazione di divulgazione scientifica nata in Canada nel 2003 è sabato 2 e domenica 3 ottobre a Città della Scienza con un ricco calendario di eventi sia in presenza che da remoto dedicati al tema delle biotecnologie a testimonianza di quanto esse rappresentino una risorsa senza confini, capace di offrire soluzioni alle grandi sfide della società a livello mondiale. Si comincia sabato con il Science Show in collaborazione con Le Nuvole Scienza “Il Dna in uno, due, tre, quattro “mosse” in cui i visitatori, dai 7 anni, guidati dai comunicatori delle Le Nuvole, potranno in quattro semplici “step” estrarre la molecola più importante della biologia e scoprire i segreti e le curiosità legate ad essa.

 

Un affondo sull’attualità invece con la conferenza on line di domenica 3 ottobre dal titolo “Dai vaccini anti covid le nuove prospettive di prevenzione”, realizzata in collaborazione con Ibbc Cnr di Napoli con la partecipazione del ricercatore Piergiuseppe de Berardinis per un aggiornamento sullo stato della ricerca sui vaccini Covid, le prospettive future e quali tecnologie sono utilizzate nella produzione. Ancora a partire dai sette anni un affascinante laboratorio, “Ti modifichiamo in biotecnologo!”, in collaborazione con Le Nuvole Scienza, per conoscere la struttura e la funzione del Dna, simulando una tecnica di trasferimento genico in modo da ottenere un “organismo geneticamente modificato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA