Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, al Centro Ester campo estivo gratis per bambini speciali e per gli ucraini

Venerdì 24 Giugno 2022 di Alessandro Bottone
Napoli, al Centro Ester campo estivo gratis per bambini speciali e per gli ucraini

Un campo estivo speciale per persone altrettanto speciali. Il Centro Ester - che opera a Barra, quartiere nella zona orientale di Napoli - apre gratuitamente le proprie attività estive a bambini e ragazzini con disabilità motorie così da sostenere le numerose famiglie napoletane aggravate dal periodo difficile. Un campo estivo che parla lingue diverse: c’è spazio, infatti, anche ai giovanissimi ucraini accolti a Napoli per scappare dal terribile conflitto e per quelli della comunità cinese.

Il Centro Ester dà spazio a bambini dai cinque ai quattordici anni coinvolti in attività sportive, giochi estivi e laboratori di cinema, teatro, canto che sono seguiti da operatori e animatori qualificati. L'Ester Summer Camp realizza giornate ricche di emozioni e relax, dalle 8:30 alle 16, includendo il pranzo. Tra i partecipanti anche giovanissimi con sindrome di Down e ragazzi autistici che giocano insieme a persone normodotate. In particolare, tra le attività sportive si praticano calcio, pallavolo, ginnastica artistica, danza, basket, nuoto, tennis, atletica leggera. Si combatte la solitudine con momenti di crescita e socialità.

Trenta i giovanissimi già coinvolti e molti altri quelli che possono aderire all'iniziativa fortemente voluta da Pasquale Corvino, presidente del Centro Ester, il quale evidenzia: «Sin dall'inizio del mio arrivo ho cercato di organizzare manifestazioni per i bimbi speciali, da sempre sono molto attento alle loro esigenze», spiega Corvino che insiste: «Purtroppo dopo la pandemia il costo della vita si è alzato ancora di più e sono consapevole delle difficoltà che incontrano le famiglie che ogni giorno devono scontrarsi con tante difficoltà per questi piccoli che hanno bisogno di maggiore attenzione e di maggiore supporto. Ecco perché potranno frequentare gratuitamente il nostro campo estivo. Metteremo a disposizione i nostri istruttori, tutti specializzati per lavorare con i bambini speciali. Ho voluto dare un segnale per spiegare ai piccoli e ai loro genitori che avranno sempre un posto importante al Centro Ester».

Un lavoro di forte inclusione. La sfida è rendere autonomi e responsabili i giovanissimi che vivono particolari difficoltà per le diverse forme di disabilità. L'ulteriore obiettivo è renderli partecipi insieme agli altri partendo dalla consapevolezza che la diversità è una ricchezza. Quest'edizione del campo estivo dell'associazione di Barra, inoltre, punta particolarmente sui talenti.

Le attività estive, totalmente gratuite per le famiglie di giovani disabili, sono completamente sostenute dal Centro Ester con proprie risorse. Non mancheranno momenti sotto le stelle con alcune serate nel corso delle quali i bambini partecipano insieme ai genitori e ai nonni così da includere le famiglie in un processo di socializzazione che andrà avanti fino al 31 luglio. Inoltre, l'associazione di Napoli Est accoglierà gratuitamente i bambini che sono arrivati a Napoli per scappare dalla guerra in Ucraina e ospiterà anche duecento bambini di nazionale cinese. Lingue e culture diverse si fondono insieme attraverso i momenti di sport, anima del Centro Ester di Barra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA