Vittorio Sgarbi, quadri falsi di de Dominicis: ora rischia il processo. «Autenticati in hotel mentre era al telefono»

Martedì 15 Giugno 2021
Vittorio Sgarbi rischia il processo

La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per Vittorio Sgarbi. Il critico d'arte è accusato di aver certificato come autentici alcuni quadri riconducibili all'artista Gino de Dominicis, riconosciuto come uno degli autori più importanti dell'arte italiana del secondo Dopoguerra con quotazioni sempre più in rialzo sul mercato. I quadri sono stati ritenuti falsi dal nucleo di Tutela del patrimonio artistico dei carabinieri. Un eventuale processo su cui domani è chiamato a decidere il giudice per le udienze preliminari di piazzale Clodio e che arriva nel bel mezzo della campagna elettorale per il Campidoglio nella quale il critico d'arte compare ora come candidato all'assessorato alla Cultura per il ticket di centrodestra Michetti-Matone.

Sindaco di Roma, presentati Michetti-Matone Sgarbi: così il centrodestra vuole riconquistare la capitale

Si tratta dell'indagine che nel novembre del 2018 portò all'arresto di due persone, poste ai domiciliari. Nel procedimento erano finite sul registro degli indagati venti persone tra cui anche il noto critico d'arte a cui i magistrati contestano, nel suo ruolo di presidente della Fondazione Archivio Gino De Dominicis di Roma, la violazione dell'articolo 178 lettera C del codice dei beni culturali e del paesaggio. Nel novembre di due anni fa, su disposizione del gip, furono sequestrate oltre 250 opere considerate contraffatte per un valore di oltre 30 milioni di euro e venne individuato il locale adibito a laboratorio dove sono state trovate opere con tutto il materiale idoneo alla produzione di falsi. Secondo l'impianto accusatorio, sul mercato lecito dell'arte contemporanea sarebbero state immesse numerose opere d'arte contraffatte, corredandole di fraudolente certificazioni di autenticità, attribuite al celebre artista marchigiano Gino De Dominicis  e, in misura minore, ad altri maestri dell'arte contemporanea. Nel novembre del 2018 i carabinieri diedero esecuzione a 4 misure cautelari, di cui 2 provvedimenti di arresti domiciliari, uno dei quali riguardante la vice presidente della Fondazione. Per due galleristi scattò l'interdizione all'esercizio della professione.

La risposta di Sgarbi

«È una totale invenzione. La mia posizione precisa è che si tratta di capolavori di De Dominicis e li autentico come mi pare. L'argomento non esiste, è un'azione del tutto assurda di magistrati che tra l'altro ho anche fatto sconfessare dal Csm perché l'indagine è stata fatta in maniera grottesca su un autore che è morto nel '98, le cui opere quindi hanno meno di 50 anni. Non esiste il problema, nessuno falsificherebbe».
E aggiunge: 
«L'avvocato penserà a tutto, non ci sarà alcun rinvio a giudizio perché le opere sono tutte buone e l'assunto è del tutto falso. L'unica cosa falsa è l'assunto di questa inchiesta».

 

 

Ultimo aggiornamento: 16 Giugno, 15:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA