Referendum, il trionfo di Zaia: «Il Veneto vuole diventare una regione a statuto speciale»

Lunedì 23 Ottobre 2017 di Claudia Guasco

dal nostro inviato

VENEZIA - Il Veneto vuole diventare una regione a statuto speciale. Forte del 57,2% di affluenza finale nel referendum per l'autonomia, il governatore Luca Zaia punta ancora più in alto: "Chiederemo tutte le 23 competenze, il federalismo fiscale e anche il disegno di legge statale per l'autonomia speciale", annuncia dopo la riunione straordinaria della giunta.

TRATTATIVE A TUTTO CAMPO
Il giorno dopo il voto, il governatore si presenta tra due ali di assessori, a ribadire che il successo della consultazione non è personale ma di gruppo, che dietro di lui c'è un consiglio regionale e oltre 2 milioni di elettori. Oggi tutto è permesso, soprattutto pensare in grande. A cominciare dal sogno veneto dello statuto speciale. "Troppo? Non esistono trattative a scartamento ridotto, se Trento e Bolzano avessero ragionato così non avrebbero ottenuto niente. Andrò a Roma a dire che i cittadini che si sono recati a votare sotto la pioggia hanno diritto di portare a casa i risultati", annuncia Zaia. La riflessione alla base della strategia del presidente è questa: "Non ha senso celebrare un referendum se poi non si governa il processo fin dall'inizio, per questo abbiamo approvato all'unanimità in giunta straordinaria tre punti all'ordine del giorno".

Le tre delibere sono "una proposta di legge statale da trasmettere al Parlamento che prevede due letture in giunta, una oggi e una seconda lettura dopo un confronto con gli stakeholders del territorio come sindaci, presidenti provincia, associazioni categoria, onlus, comunità montane, ma anche forze politiche; la costituzione di una "Consulta per l'autonomia del Veneto" che chiamerà tutti a esprimere pareri e nel giro di quindici giorni arriverà a una seconda lettura con tutte le eventuali osservazioni ed emendamenti; un disegno di legge per l'autonomia speciale che completa le richieste d'autonomia». Si tratta, per Zaia, "del disegno di legge più breve della storia, ha infatti un solo articolo e chiede di inserire nell'elenco delle regioni a statuto speciale dopo le parole Val d'Aosta la dicitura "e il Veneto"". Come riferisce nella sua relazione in giunta, è infatti necessario abbandonare, una volta per tutte, il modello di regionalismo vigente che, per rispondere a una logica dell'uniformità dell'intervento pubblico di tutte le zone del Paese, ha bloccato le potenzialità delle realtà produttive che potevano trainare l'economia, creando di fatto un'Italia a due velocità". Questo modello, aggiunge il presidente, "ha prodotto egualitarismo ma non uguaglianza, poiché nonostante l'uguaglianza formale di attribuzioni e competenze, il tessuto delle varie realtà regionali è rimasto attraversato da profonde differenze economiche e sociali, e si è drammaticamente esteso il divario tra nord e sud".

COMBATTERE GLI SPRECHI
Insomma, dopo due bocciature e una legge referendaria approvata nel 2014, ora "non c'è nulla di vietato, il Veneto può sognare di diventare come il Trentino", dice Zaia. "Lo possono sognare tutte le regioni, non c'è nulla di vietato perché il Parlamento può decidere di modificare la Costituzione come vuole. L'importante è avere i numeri". E ai detrattori, a chi ripete che il referendum è un'inutile pagliacciata, replica: "E' un dibattito surreale, anche perché è viziato dal fatto che abbiamo esperienze negative: quando leggiamo che la Sicilia ha 52 mliliardi di euro di tasse da recuperare dai siciliani, diciamo ma che autonomia è? Il problema non è l'autonomia ma come si gestisce. Cito l'ex presidente Napolitano che diceva che l'autonomia è una vera assunzione di responsabilità. Ecco noi vogliamo questo: si combattono gli sprechi, non le autonomie".

Ultimo aggiornamento: 24 Ottobre, 07:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA