CORONAVIRUS

Virus, Arcuri: «App Immuni attiva tra 15 giorni in tutta Italia. Un terzo degli italiani farà il tampone entro fine anno»

Giovedì 4 Giugno 2020
​Virus, Arcuri: «App Immuni attiva tra 15 giorni in tutta Italia. Un terzo degli italiani farà il tampone entro fine anno»

Coronavirus, il commissario per l'emergenza Domenico Arcuri afferma che entro fine anno un terzo degli italiani farà il tampone e che la app «Immuni sarà attiva tra 15 giorni in tutta Italia». «Un milione e 150 mila italiani hanno già scaricato la App Immuni, un risultato confortante grazie a un lavoro coordinato; da lunedì sarà a pieno regime nelle regioni pilota e dalla settimana successiva in tutta Italia», dice Arcuri in conferenza stampa alla Protezione civile.

Covid, Brusaferro (Iss): «Nelle mascherine il virus rimane per 7 giorni: le chirurgiche non vanno riusate»

Virus, Iss: «Lampade Uv efficaci per disinfettare i dispositivi di protezione»
 

Arcuri: «Entro fine anno un terzo degli italiani farà il tampone». «Da inizio crisi sono stati somministrati in media 39.500 tamponi al giorno, a maggio in media 61 mila al giorno. Obiettivo era far crescere stabilmente questo numero fino a 84 mila al giorno, lo abbiamo superato e ne potremo fare 89 mila al giorno, +47% su maggio. E 9,9 milioni di prodotti tra reagenti e kit saranno acquistati e messi a disposizione delle Regioni». Così il commissario Domenico Arcuri in conferenza stampa alla Protezione civile. «Nel Lazio in media da 3.803 al giorno passeremo a 6.328 tamponi al giorno, da 12.159 a 21.336 in Lombardia - ha aggiunto -. Al 31 dicembre il 28 per cento degli italiani sarà stato sottoposto a tampone, ove necessario, un italiano su tre quasi».

Arcuri: «Ritrovata la libertà, ora preserviamola». «Abbiamo riconquistato ieri l'ultima parte delle nostre libertà, dopo 84 giorni dall'11 marzo, che sembra un'epoca fa, un'Italia più unita e più libera si è ritrovata». Lo ha detto il commissario Domenico Arcuri in conferenza stampa alla Protezione civile. «È frutto dei sacrifici e della responsabilità degli italiani, delle scelte del governo e della capacità di applicarle - aggiunge -. Senza lockdown il 3 giugno sarebbe stato un giorno come gli altri, un giorno dolorante, senza una gestione dell'emergenza il virus si sarebbe esteso in tutto il Paese con la stessa gravità e il 3 giugno non è stato un giorno come un altro. Ora dobbiamo preservare la libertà e conferire ad essa il valore che ha. Come diceva un grande italiano, Piero Calamandrei, la libertà è come l'aria, ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare. Ora dipende dai nostri comportamenti».

Arcuri: «Mascherine per la maturità e nuovo anno scolastico». «Metteremo a disposizione 5 milioni e 200 mila mascherine per gli esami di maturità, è indispensabile che i ragazzi facciano gli esami in sicurezza, e ci organizziamo per dotare tutte le scuole di mascherine» alla ripresa delle lezioni. Lo ha detto il commissario Domenico Arcuri in conferenza stampa alla Protezione civile.
 

 
 

 
 
 

Ultimo aggiornamento: 20:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA