CORONAVIRUS

Il coronavirus non esiste più? Lopalco: «Molti portatori asintomatici, il pericolo può arrivare dall'inatteso»

Lunedì 1 Giugno 2020
Il coronavirus non esiste più? Lopalco: «Molti portatori asintomatici, il pericolo può arrivare dall'inatteso»

Il coronavirus non esiste più come dicono alcuni virologi come Zangrillo? Il dibattito è aperto e sono molti ad avere posizioni diverse. Tra le cause che influiscono sulla forza del virus anche il caldo che potrebbe fiaccarlo alla Lunga. Ad esprimere la propria convinzione è Pierluigi Lopalco, epidemiologo a capo della task force pugliese per l'emergenza coronavirus. «Siamo passati da una fase di circolazione epidemica a una circolazione endemica. Possiamo attraversare la strada? Si, certamente. Dobbiamo avere paura ad attraversarla? No, basta fare attenzione. Questo però non vuol dire che possiamo attraversarla bendati».

Primo test al mondo con anticorpo sull'uomo, esperimento al via negli Usa


Lopalco scrive un lungo post su Facebook: «In questi giorni - scrive - abbiamo poche certezze: i reparti ospedalieri si stanno via via svuotando; i nuovi casi positivi si riferiscono per lo più a portatori asintomatici o paucisintomatici, che quindi esprimono basse cariche virali; il numero di portatori è comunque alto, considerando che la maggior parte non viene rilevata e che il virus si mantiene alla stato di portatore per molto tempo». Quindi, Lopalco invita alla prudenza: «Guarda a destra e sinistra prima di attraversare la strada» vuol dire avere prudenza «perché il traffico esiste e il pericolo può arrivare anche dall'inatteso. I miei genitori facevano terrorismo? Di certo no. Non mi dicevano mica di non attraversare la strada. Mi ricordavano di stare attento e valutare bene il rischio».

 

Ultimo aggiornamento: 2 Giugno, 09:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA