CORONAVIRUS

Coronavirus, zio Tang: ecco l'eroe che ha salvato Pechino dalla seconda ondata

Giovedì 18 Giugno 2020 di Laura Bogliolo
Coronavirus, zio Tang: ecco l'eroe che ha salvato Pechino dalla seconda ondata

In Cina è stato ribattezzato "lo zio Tang", un modo affettuso per ringraziarlo. Perché grazie a lui le autorità cinesi da dove è partito il focolaio del Covid-19 sono riusciti a rintracciare i primi centri di contagio tra cui il mercato Xinfadi, a Pechino. Ha 52 anni e con la sua bici è stato l'unico che si è fatto fare il tampone consentendo così agli studiosi di limitare la diffusione nuovamente del virus. Insomma zio Tang con la sua pedalata verso i medici è riuscito a stoppare una nuova micidiale ondata di Covid.

Coronavirus, Oms: «Europa, seconda ondata possibile in autunno. Nuovi casi con riaperture scuole»

Coronavirus Italia, Gimbe: in 7 giorni nuovi casi saliti dello 0,9%, in Lombardia +3,8%

Ha iniziato a sentirsi male il 6 giugno, i classici sintomi del maledetto virus. Ha atteso qualche giorno poi il 10 senza prendere i mezzi pubblici, ma in bicicletta nonostante il malessere aumentasse per evitare contagi, è andato in ospedale. L'11 giugno il tampone e il verdetto: zio Tang aveva il Covid-19.

In quel momento il 52 enne è riuscito a ricostruire con precisione quasi maniacale i suoi spostamenti e quelle due visite fondamentali al mercato di Xinfadi. Proprio da lì infatti nei giorni successivi sono arrivati altri tre contagiati e sabato 13 giugno sono state prese le maxi misure di sicurezza per isolare il mercato. Altri contagi c'erano stati, ma l'unico a farsi avanti, l'unico a denunciare le sue condizioni cliniche è stato Tang. Fortunatamente Wu Zunyou, epidemiologo a capo del Centro cinese, ha detto che il nuovo focolaio ora è sotto controllo. Ed è grazie a "Daye Tang" (zio Tang) trovato da se non si è ripetuto un nuovo "caso Wuhan". 

 

Ultimo aggiornamento: 16:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA