Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

David di Donatello, Capuano e la dedica commovente alla moglie morta un mese fa

Mercoledì 4 Maggio 2022 di Silvia Natella
David di Donatello, chi è Antonio Capuano: la dedica commovente alla moglie morta un mese fa

Ha commosso la platea e i telespettatori del David di Donatello 2022 la premiazione di Antonio Capuano, che ha dedicato la vittoria alla moglie scomparsa un mese fa. Regista, autore e scenografo, ha ricevuto il Premio Speciale dalle mani dell'amico Paolo Sorrentino, il trionfatore di questa edizione con il suo "È stata la mano di Dio". «Non capisco perché applaudiate, non me lo merito. Lo voglio dedicare alla mia ragazza che non c’è più», ha detto l'82enne. 

La carriera di Capuano ha segnato il cinema italiano e la vita di Sorrentino. Ha esordito alla regia nel 1992 con "Vito e gli altri", film sui bambini di strada a Napoli premiato alla Mostra di Venezia. Il successo è arrivato con "Pianese Nunzio, 14 anni a maggio" con Fabrizio Bentivoglio. Dopo è stata la volta di "Polvere di Napoli" e "Luna rossa". Capuano ha vinto il premio dei critici ai David di Donatello nel 2006 con "La guerra di Mario" e il suo ultimo film è stato "Il buco in testa", nel 2020.

In  "È stata la mano di Dio" è diventato un personaggio, il mentore di Fabietto, l'alter ego di Paolo Sorrentino. «Non ti disunire me lo diceva davvero - ha spiegato Sorrentino sul palco dei David - Antonio è un maestro di libertà e vitalità, il suo cinema è un ritratto di vitalità. Gli sono molto grato, lui mi ha assunto la prima volta quando ero ragazzo, in 3 secondi, senza che ce ne fosse un motivo valido. Non avevo mai lavorato prima, gliene sarò per sempre grato».


«Ringrazio tutti, non capisco perché applaudiate, non me lo merito. Ringrazio Piera e veramente tutti i componenti dell'Accademia, uno a uno. Il premio lo dedico alla mia ragazza che non c’è più», le parole del discorso di Capuano. La moglie, Willye, è morta soltanto un mese fa. I due si erano conosciuti quando lei era arrivata a Napoli dall'Olanda per imparare l'italiano. 

Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 16:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA