Amatori Napoli, la serie A rinviata
al 7 marzo con la nuova formula

Sabato 26 Dicembre 2020 di Diego Scarpitti
Alessandro Quarto

Ennesimo rinvio. Non si rassegna l’Amatori Napoli Rugby. Il futuro come destinazione dei verdeblu si sposta nuovamente in avanti. Dal 24 gennaio al 7 marzo 2021, la nuova data di avvio della serie A. Pazienza, sopportazione, resistenza per sfidare un periodo carico di incertezze, inquietudini e limitazioni. Capitan Alessandro Quarto e compagni vogliono spegnere i tormenti e accendere il gioco. «Rinvio preannunciato. Speriamo che il 7 marzo sia la volta buona».

Ridisegnato il format. Non il classico raggruppamento a dieci squadre ma una pool composta da Perugia, Civitavecchia CentumcellaeUnione Capitolina, Catania con incontri di andata e ritorno. Resi noti gli avversari, i napoletani della palla ovale si dichiarano pronti all’inedita sfida. «La formula proposta dalla Fir appare valida, considerati i tempi ristretti», osserva Quarto. «Otto partite in calendario e fasi finali per chi avanza».

Palinsesto formulato in considerazione del protrarsi dell’emergenza pandemica e nell’intento di garantire la piena tutela e sostenibilità di tutte le componenti del movimento, in coerenza con le linee guida adottate per contrastare il Covid-19. «E’ una buona idea, speriamo sia praticabile. E’ ora di iniziare davvero», auspica fiducioso il leader dell’Amatori Napoli.

Rientrano nell’attività rugbistica di interesse nazionale, indicata dal Coni, il campionato italiano di serie A maschile e femminile, la serie B, la serie C girone 1, il torneo under 18 (girone 1 e 2) e quello under 16, che  vanno ad aggiungersi alle competizioni delle Nazionali e delle franchigie di Guinness PRO14 e al TOP 10.

«Abbiamo ripreso ad allenarci e contiamo di farci trovare pronti per il 7 marzo. Nelle partite secche siamo più performanti, perché facciamo dell’entusiasmo, del cuore e della voglia di lottare i nostri punti di forza. Si aprono degli spiragli che inizialmente non pensavamo», afferma il direttore tecnico Lorenzo Fusco. «Ce la possiamo giocare con tutti», carica i suoi atleti.

L’Amatori proseguirà l’attività individuale presso il Villaggio del Rugby a Bagnoli sino al 31 gennaio, mentre dal 1 febbraio potranno cominciare gli allenamenti collettivi e di contatto in vista dell’avvio delle competizioni. «Il 7 marzo è dietro l’angolo e i ragazzi necessitano di una fase di rodaggio prima di iniziare, poiché sono tre mesi che non fanno contatto. Siamo fiduciosi e speranzosi di dire la nostra sul campo», conclude Fusco. Il rugby insegna a rialzarsi, reagire e ripartire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA