Esultano le Fiamme Oro: trionfa
il surfista Fioravanti in Francia

Sabato 12 Ottobre 2019 di Diego Scarpitti
Leonardo Fioravanti
Dalla cartolina di Castel dell’Ovo alle onde perigliose di Hossegor. Nel segno di Leonardo Fioravanti, allievo agente della Polizia di Stato, classe 1997. Porta bene il numero di maglia 46, un chiaro tributo al leggendario Valentino Rossi. Schizza come se fosse in pista il surfista romano, tanto da conquistare uno storico terzo posto al Quiksilver Pro France, nona tappa della Coppa del Mondo WSL. L’incredibile performance dell’atleta delle Fiamme Oro, in forza al Centro Nazionale di Napoli, costituisce il miglior risultato di sempre di un surfista italiano in questo adrenalinico sport. Un'impresa memorabile che riporta Leonardo, meglio definirlo «Big Leo#46», in piena corsa per la qualificazione olimpica ai Giochi di Tokyo 2020, che cercherà di centrare attraverso le ultime due tappe del circuito in programma da qui a dicembre.
 
 


«Dopo tanti mesi di riabilitazione e giornate lunghe ancora non riesco a crederci che ce l’abbiamo fatta. Grazie a tutti! L’oceano mi ha fatto un regalo speciale nell’ultimo minuto contro il grande Kelly Slater (vincitore di 11 campionati individuali). Grazie a tutti per il tifo, per essere venuti in spiaggia e per il supporto che mi date sempre», dichiara estremamente soddisfatto il fuoriclasse italiano, che ha dimostrato di aver recuperato brillantemente la forma.  

«Leonardo è un grandissimo atleta. Un risultato eccezionale conquistato in Francia che dà morale in vista delle prossime tappe. Il nuovo settore delle Fiamme Oro è nato in sinergia tra il presidente Francesco Montini e il presidente della Fisw Luciano Serafica. Siamo decisamente orgogliosi, che Leonardo rappresenti l’Italia e la Polizia di Stato. In squadra con lui anche due giovani e promettenti ragazze Emily Gussoni e Giada Legati, già a Napoli nei mesi precedenti», le congratulazioni di Luca Piscopo, direttore tecnico delle Fiamme Oro. Chi transita da Napoli, insomma, è destinato a trionfare. Regola aurea ampiamente riconfermata.
 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA