La beduina di Rari Nantes e Posillipo
contro la violenza sulle donne

Lunedì 19 Luglio 2021 di Diego Scarpitti
Elios Marsili

Una beduina contro la violenza sulle donne, un alzo e tiro nell’incanto di Napoli. Regge il tempo e spazio alla pallanuoto a mare. «Torneo baciato dal sole fortunatamente, nonostante l’allerta meteo diramata. Siamo riusciti a disputare il torneo nel migliore dei modi. Tanto divertimento e tante proteste in linea con il carattere dei pallanuotisti. Risate nel vero spirito sportivo e un grandissimo «quinto tempo» a tavola al termine della manifestazione». Bilancio decisamente positivo per Elios Marsili, organizzatore del Beach Waterpolo Tournament.

 

Ad aggiudicarsi la seconda edizione la squadra rossa. Quattro le formazioni a contendersi il successo finale, espressione dei colori dei circoli di Santa Lucia e di Posillipo: bianca, celeste, rossa e verde, capitanate da Maurizio Tieri, Angelo Ausilio, Maurizio Marassi e Renato Galassi. In gara una trentina di atleti, tutte vecchie glorie della pallanuoto napoletana, ex rarinantini, posillipini e canottierini, ma anche del Vomero Nuoto Club e di altre storiche compagini cittadine.

Cartolina apprezzata dai numerosi turisti, che si fermavano incuriositi sul lungomare. «È stato un bel modo per stare insieme e per giocare, visto che i campionati italiani delle varie categorie master sono stati annullati sia nel 2020 che nel 2021. Tante squadre non hanno avuto la possibilità di allenarsi in questo periodo, siamo riusciti a organizzare un torneo che ha dato modo ai suoi protagonisti di divertirsi e di divertire», prosegue Marsili. «Sono contento che sia andato tutto bene. Lo sport c’è sempre: abbiamo lanciato un messaggio multicolore (biancoceleste-rossoverde) per Napoli», ammette il figlio d’arte, doppiamente felice per la chiusura della stagione agonistica della Rari Nantes Napoli, culminata con la promozione in serie B, e il buon esito del torneo master, patrocinato da Palazzo San Giacomo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA