CORONAVIRUS

Covid, ad Avellino terza dose di vaccini
per pazienti ad elevate fragilità

Venerdì 17 Settembre 2021
Covid, ad Avellino terza dose di vaccini per pazienti ad elevate fragilità

Partiranno lunedì 20 settembre le somministrazioni della dose addizionale di vaccino ai soggetti fragili in carico all'Azienda ospedaliera «San Giuseppe Moscati» di Avellino. La macchina organizzativa coordinata dall'Unità operativa di Medicina Preventiva è già partita: «Un gruppo di psicologhe sta ricontattando telefonicamente i fragili che hanno ricevuto le prime due dosi per invitarli a tornare da noi per completare il ciclo vaccinale primario», spiega Rossana Formato, responsabile della Medicina Preventiva. «Come indicato dalle circolari ministeriali - aggiunge - stiamo procedendo dando priorità ai soggetti trapiantati e immunocompromessi, e la risposta che stiamo ricevendo è molto confortante, tant'è che già lunedì prevediamo di effettuare oltre 50 inoculazioni».

La somministrazione della dose aggiuntiva di vaccino a m-Rna sarà effettuata dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle 18, presso il polo vaccinale dove, oltre all'équipe preposta, sarà presente uno specialista di riferimento per ciascuna categoria di fragili.  Sono oltre 2.500 i pazienti a elevata vulnerabilità che hanno ricevuto le prime due dosi di vaccino presso l'Azienda «Moscati» e che saranno richiamati, secondo l'ordine di priorità indicato dal Ministero della Salute e tenendo conto che la dose addizionale va somministrata dopo almeno 28 giorni dall'ultima dose.

Video

Una volta completato il ciclo programmato per i soggetti fragili, l'attività vaccinale al Moscati proseguirà con la convocazione del personale sanitario per l'inoculazione della dose di richiamo, somministrata al fine di mantenere nel tempo o di ripristinare un adeguato livello di risposta immunitaria. «In Campania stiamo portando avanti una eccezionale campagna vaccinale, proprio grazie a un'efficace programmazione e a una collaborazione tra tutti i soggetti che operano in ambito sanitario», sottolinea il direttore generale dell'Azienda Moscati, Renato Pizzuti. «Il contributo offerto dall'Azienda ospedaliera, soprattutto nei confronti di quelle persone che ha già in cura, rappresenta sicuramente un elemento importante per raggiungere quanto prima un'elevata copertura vaccinale con il completamento dei cicli finora autorizzati», conclude. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA