CORONAVIRUS

La «paziente 1» di Montano Antilia
torna al lavoro a Cremona: «Ivonna sta bene»

Mercoledì 25 Marzo 2020 di Carmela Santi
Montano Antilia, Ivanna lascia Abatemarco. Questa mattina ha preso il treno per rientrare a Cremona. Tornerà al suo posto di lavoro, nei laboratori dell’ospedale cremonese. È stata la mamma della ragazza, non senza preoccupazioni, ad informare con una telefonata il primo cittadino di Montano Antilia, Luciano Trivelli: «Ivanna è guarita, sta bene. Deve riprendere la sua vita». La ragazza un mese e mezzo fa, il 15 febbraio, era tornata a casa nel piccolo centro cilentano per una decina di giorni. Una vacanza dopo giorni di lavoro. Quando è partita non avrebbe mai immaginato di ritrovarsi agli onori della cronaca locale e nazionale.

Qualche giorno dopo il suo arrivo ha iniziato ad avere i primi sintomi del coronavirus. È stata ricoverata prima al San Luca di Vallo poi al Cotugno di Napoli: primo caso di infezione nel Cilento e tra i primi due in regione. Una quindicina di giorni fa è stata dimessa. È guarita. Ha trascorso prima qualche giorno presso alcuni familiari a Salerno poi è rientrata ad Abatemarco, dove ha potuto rivedere la mamma, il papà, le sorelle e il fratello. Un abbraccio virtuale poi da tutta la comunità che nei difficili giorni della malattia non le ha fatto mancare l’affetto e il sostegno. I suoi concittadini, con il testa il sindaco Trivelli, l’hanno sempre difesa dai duri attacchi mediatici. «La ragazza - ribadisce il sindaco - è in ottime condizioni di salute e in perfetto stato psicofisico. Ora è pronta a tornare alla sua vita e lasciarsi tutto alle spalle». Ultimo aggiornamento: 07:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA