Ristoranti italiani con 3 stelle Michelin, quanto costano? Da Cannavacciuolo a Romito: prezzi e menù. Il più caro è lo chef Crippa

Menù degustazione dai 170 euro ai 650: ecco la lista dei ristoranti italiani che hanno 3 stelle Michelin e i prezzi

Ristoranti italiani con 3 stelle Michelin, quanto costano? Da Cannavacciuolo a Romito: prezzi e menù. Il più caro è lo chef Crippa
Ristoranti italiani con 3 stelle Michelin, quanto costano? Da Cannavacciuolo a Romito: prezzi e menù. Il più caro è lo chef Crippa
Venerdì 11 Novembre 2022, 12:18 - Ultimo agg. 12 Novembre, 09:01
6 Minuti di Lettura

Che in Italia si mangi bene, anzi benissimo, non ci sono dubbi. Ma dopo l'ultima premiazione della guida Michelin fatta in Franciacorta se qualcuno era ancora scettico dovrà necessariamente ricredersi. Antonino Cannavacciuolo con il suo Villa Crespi conquista la terza stella Michelin e fa salire a dodici i componenti del team degli chef italiani che possono vantare un ristorante con questo prestigioso riconoscimento. Tutti confermati anche dalla Guida 2023 gli undici ristoranti che già avevano i tre “macaron”.  

Michelin, Cannavacciuolo new entry tra i 3 stelle. Poker di ristoranti due stelle a Roma

Ristoranti con 3 stelle Michelin, quanto costano?

E se in principio fu Gualtiero Marchesi nel 1986 il primo italiano ad aver conquistato le 3 stars con il suo ristorante a Milano, in via Bonvesin de La Riva, oggi sono ben 12 gli che fitaliani che vengono premiati. E chi non vorrebbe poter mangiare in uno di questi ristoranti? Ma i prezzi sono davvero così proibitivi? Gli chef puntano sicuramente su menù degustazione così da poter dare una giusta proposta al cliente per far apprezzare la propria cucina e trovare una formula di costo adeguata. Certo l'offerta non è per tutti, ma vediamo insieme ristorante per ristorante, da Nord a Sud, le proposte sbirciando i siti di ognuno come ci propone la rivista online di settore Cronache di Gusto. Un viaggio itinerante in tutta italia da fare con forchetta e calice in mano.

Barbieri: «Cannavacciuolo ha una marcia in più, con Cracco litigai. Ecco il piatto più buono secondo me»

Quali sono

I ristoranti tre stelle Michelin italiani sono: Villa Crespi ad Orta San Giulio (NO) con lo chef Antonino Cannavacciuolo; Enrico Bartolini al Mudec a Milano dello chef Enrico Bartolini; Uliassi a Senigallia (AN) con Mauro Uliassi; Da Vittorio a Brusaporto (BG) dello chef Enrico "Chicco" Cerea; Piazza Duomo ad Alba (CN) di Enrico Crippa; St. Hubertus Rosa Alpina a San Cassiano (BZ) con lo chef Norbert Niederkofler; Dal Pescatore a Canneto sull'Oglio (MN) con Nadia Santini; Le Calandre a Rubano (PD) con Massimiliano Alajmo; Osteria Francescana a Modena di Massimo Bottura; Enoteca Pinchiorri a Firenze con Riccardo Monco; Reale a Castel di Sangro (AQ) dello chef Niko Romito; La Pergola a Roma con Heinz Beck.

Stella Michelin, Sara Scarsella chef al ristorante Sintesi ad Ariccia: unica donna premiata del Lazio. «Dal lockdown al decollo». La ricetta

Prezzi e menù

Bartolini al Mudec a Milano propone 4 menu degustazione 2 Best of e 2 Mudec Experience tutti da 9 portate che costano 350 euro. Il pairing con il vino costa 250 euro. Oppure si possono prendere 3 piatti a scelta dalla carta al costo di 240 euro, oppure 4 piatti al costo di 300 euro. Ovviamente Vini esclusi.

Da Uliassi a Senigallia sono 5 i menu degustazione: classico da 240 euro, easy classico 210 euro, lab 240 euro, caccia 240 euro. Oppure si possono scegliere almeno 3 piatti dalla carta. Anche qui bevande escluse.

Due, invece, le proposte degustazione nel ristorante Da Vittorio a Brusaporto: il menu "carta bianca" da ben 16 portate che costa 350 euro o "Nella tradizione di Vittorio" da 8 portate al costo di 260 euro. Anche qui bevande escluse.

I menu più cari sono quelli che si trovano a Piazza Duomo nel fantastico mondo dello chef Crippa: si parte con "Viaggio-Crippa", 8 portate a 290 euro. Si possono scegliere diversi abbinamenti con i vini: wine's seasons a 190 euro, grande Piemonte a 220 euro, rarità a 380 euro, oltre a 640 euro. Un altro menu degustazione si chiama "Dedicato al tartufo bianco d'Alba": costa 290 euro, ma il tartufo si paga a parte (al grammo). Anche qui si può scegliere un pairing con il vino: 7 calici in abbinamento (220 euro). Un altro menu è il "Nebbiolo grand tasting": oltre ai piatti dello chef prevede 5 calici di vino per 580 euro; O "Barolo" con abbinamento di sei calici alle portate dello chef tutto a 500 euro; Mentre "Barolo... rarità" è il menu più costoso di tutti i tristellati italiani: il menu con sei calici di vino costa mille euro a persona.

 

Una solo proposta degustazione, invece, al St. Hubertus Rosa Alpina: lo chef Niederkofler propone "cook the mountain" a 320 euro, bevande escluse. Una selezione di formaggi costa 45 euro, mentre 8 calici di vino e drinks vengono venduti a 220 euro.

Tre menu degustazione al ristorante Dal Pescatore a Canneto sull'Oglio: il menu della campagna (5 portate 150 euro), il menu d'autunno (7 portate 210 euro) e il menu del pescatore (10 portate 290 euro).

Massimiliano Alajmo nel suo Le Calandre a Rubano propone tre menu degustazione tutti a 295 euro e tutti da 8 portate: "Classico", "Max" e "Raf". Oppure si possono scegliere 3 piatti alla carta a 160 euro, 4 piatti a 200 euro o, 5 piatti a 230 euro. Nei menu i piatti in cui c'è il tartufo bianco d'Alba prevedono un supplemento di 20 euro. La selezione di formaggi piccola costa 20 euro, mentre quella grande costa 40.

Massimo Bottura dell'Osteria francescana è celebre per il suo menu unico che varia di stagione in stagione: al momento il menu che si chiama "Vieni in Italia con me" vanta 12 portate e costa 320 euro. A questi si devono aggiungere 210 euro per l'abbinamento vini.

Due i menu degustazione all'Enoteca Pinchiorri di Firenze: "Madre Terra" da 10 portate a 290 euro vini esclusi, oppure "Evoluzione", sempre da 10 portate a 290 euro vini esclusi. Menu degustazione unico anche nel ristorante Reale a Castel di Sangro.

I segreti degli chef stellati della provincia di Latina: «Qualità senza compromessi»

Lo chef Romito prevede un percorso da 14 portate a 170 euro più 100 euro per l'abbinamento vini. E' possibile aggiungere al percorso anche piatti dalla carta al presso di 30 euro a portata, ma massimo 3 piatti. Si può anche scegliere dalla carta, ma in questo caso i commensali dovranno scegliere almeno 3 portate a testa.

A La Pergola di Roma, Heinz Beck ha creato due percorsi degustazione: un menu da 10 portate a 320 euro, oppure 7 portate a 270 euro. Vini esclusi.

Ultimo ingresso fra i tristellati, Villa Crespi dello chef Antonino Cannavacciuolo. Si può scegliere tra il menu "Traccia" dal costo di 190 euro a persona, "Itinerario dal Sud al Nord Italia" dal costo di 210 euro a persona, oppure "Mettici l’anima" dal costo di 240 euro a persona. Anche qui vini esclusi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA