Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli Est, si interviene sul dissesto in via Argine a Ponticelli

Giovedì 18 Agosto 2022 di Alessandro Bottone
Napoli Est, si interviene sul dissesto in via Argine a Ponticelli

Si interviene per rimuovere il pericolo in via Argine. Il giorno dopo la denuncia pubblica de Il Mattino sul dissesto da tempo presente lungo la strada ad alto scorrimento della zona orientale di Napoli sono arrivati gli operai. Si lavora sul punto in cui qualcuno aveva lasciato un vaso con una pianta così da evidenziare la circostanza pericolosa ai tanti veicoli che utilizzano la strada del quartiere Ponticelli.

A intervenire sono stati, in particolare, alcuni operai della Napoli Servizi, azienda municipalizzata del Comune di Napoli. Questa mattina è iniziato il lavoro di ripristino del chiusino che, da tempo, aveva ceduto sotto il peso dei numerosi veicoli. Al momento sono state ricostruite le “spallette” che erano crollate determinando l’importante dissesto sulla carreggiata. Appena il materiale depositato sarà abbastanza solido si potrà proseguire con le operazioni così da ripristinare pienamente sicurezza e decoro: l’obiettivo è rendere stabile la base su cui poggia il chiusino così da evitare che possa sprofondare nuovamente.

Via Argine è fondamentale per il collegamento da e verso il centro cittadino di Napoli e l’area Vesuviana. La strada è, infatti, quotidianamente attraversata da migliaia di veicoli, anche mezzi pesanti. Il continuo passaggio determina una particolare usura del manto stradale che risulta dissestato in numerosi tratti, specie in corrispondenza degli incroci e in prossimità delle rotatorie. Condizioni che evidenziano la necessità di costante manutenzione ordinaria e straordinaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA