CORONAVIRUS

Spray nasale anti Covid, al via i primi test sull'uomo a Genova

Mercoledì 12 Maggio 2021
Spray nasale anti Covid, al via i primi test sull'uomo a Genova

Uno spray nasale per trattare il Covid-19 in pazienti con un quadro clinico lieve. Da metà maggio partirà l'arruolamento di 57 persone per la sperimentazione che sarà condotta presso il Policlinico San Martino di Genova. L'obiettivo di questo studio, testato per la prima volta sull'uomo, consiste nel verificare la sicurezza e l'efficacia del prodotto nel ridurre la carica virale nelle alte vie respiratorie, cosa che potrebbe rivelarsi utile nel prevenire sintomi più gravi.

 

Pfizer: «Seconda dose competenza autorità sanitarie». Richiamo a 42 giorni? Ecco cosa accade

Seconda dose Pfizer, D'Amato: «Nel Lazio confermato lo spostamento. Protezione dell'80% già dopo la prima»

 

 

 

Il meccanismo di azione dello spray AOS2020 si fonda sull'azione di lavaggio di una soluzione coadiuvata dalla potente efficacia antimicrobica dell'acido ipocloroso che è in grado di rimuovere e uccidere, in meno di un minuto, virus e batteri, incluso il Sars-CoV-2 anche nelle sue diverse mutazioni, come dimostrato in vitro da uno studio dell'Institute for Antiviral Research dell'Utah State University. L'acido ipocloroso è una sostanza prodotta dalle cellule del nostro sistema immunitario per combattere le infezioni. Questa è stata resa pura e stabile grazie a una nanotecnologia sviluppata dall'azienda Applied Pharma Research (Apr), che la 'intrappola' in una soluzione acquosa rendendola veicolabile sull'uomo. Prodotti simili sono già utilizzati da diversi anni in altre indicazioni.

 

«Proteina Spike danneggia le cellule dei vasi sanguigni», ecco perché il Covid non è solo una malattia respiratoria

 

«Lo studio clinico randomizzato valuterà se la soluzione spray, usata per irrigare, idratare e pulire le mucose nasali 3 o 5 volte al giorno a intervalli regolari, sia sicura ed efficace in pazienti positivi a Sars-CoV-2 con pochi sintomi, in aggiunta alle terapie standard, per ridurre la carica virale nel naso - spiega Giancarlo Icardi, ordinario di Igiene e responsabile della sperimentazione - Diminuire la quantità di virus presente nel naso potrebbe infatti prevenire l'insorgenza di sintomi più gravi e migliorare il decorso della malattia nella fase iniziale, riducendo anche la probabilità di trasmissione del virus anche ad altri soggetti». «Anche se il vaccino rimane la prima scelta nella lotta alla pandemia, questo dispositivo medico, semplice da usare ed economico, potrebbe fornire un ulteriore livello di protezione, particolarmente indicato per ambienti ad alto rischio come i mezzi di trasporto pubblico, negozi e scuole», dichiara Paolo Galfetti, Ceo di APR.

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 12:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA