Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

Virus di Grims, scoperto un nuovo coronavirus tra i roditori in Svezia: la ricerca e i potenziali pericoli

Lunedì 6 Giugno 2022
Virus di Grims, scoperto un nuovo coronavirus tra i roditori in Svezia: la ricerca e i (potenziali) pericoli

Allarme in Svezia: è stato da poco scoperto un nuovo coronavirus diffuso tra una specie di roditori molto comune in tutta Europa, le arvicole rossastre. Chiamato virus di Grims, dal nome della località a ovest di Stoccolma nella quale è stato trovato, non si conosce ancora l'eventuale pericolosità per gli esseri umani, ma i ricercatori  dell'Università svedese di Uppsala invitano a rafforzare la sorveglianza dei virus portati dalla fauna selvatica, in particolare da quegli animali che vivono più a stretto contatto con l'uomo. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Viruses.

Omicron, variante BA.5 più contagiosa rispetto alle altre mutazioni: il quadro

Covid, boom di Omicron Ba5 in Germania e Portogallo: picco di contagi e morti

Le arvicole dunque, sono tra i roditori più comuni in Europa e i loro percorsi si incrociano spesso con quelli della nostra specie. Inoltre, sono noti portatori del virus Puumala, che causa una febbre emorragica nota come nefropatia epidemica negli esseri umani. Quando cercano rifugio da condizioni meteorologiche avverse, le arvicole spesso lo trovano negli edifici costruiti dall'uomo, cosa che potrebbe aumentare il rischio di contatti ravvicinati e dell'eventuale trasmissione di malattie da questi animali agli esseri umani. I ricercatori guidati da Anishia Wasberg, tra il 2015 e il 2017 hanno esaminato 450 arvicole rossastre provenienti dalla località di Grims, facendo anche test per i coronavirus: il 3,4% del campione ospitava un nuovo Betacoronavirus, tipologia alla quale appartiene anche il Sars-CoV-2 e che circola sia nei roditori sia nei pipistrelli. Nel corso dei tre anni, inoltre, gli autori dello studio hanno scoperto diversi ceppi virali del virus di Grims e altri coronavirus strettamente correlati sono stati trovati tra le arvicole di altre zone d'Europa, come Francia, Germania e Polonia. Ciò suggerisce che questi roditori possano essere serbatoi naturali del virus.

 

Ultimo aggiornamento: 15:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA