Crisi della vocazione, chiudono altri due conventi francescani: a rischio le scuole cattoliche

Crisi della vocazione, chiudono altri due conventi francescani: a rischio le scuole cattoliche
7
  • 318
Crisi di vocazione. Sempre meno giovani abbracciano la vita religiosa e i conventi si svuotano fino a chiudere i battenti. Come nel caso, in questi giorni, di due presidi dei francescani in Emilia Romagna e ìn Sicilia. A settembre è prevista la chiusura del convento francescano a Carpi. Padre Floriano, a capo del convento dal 2016, ha precisato - come informa la rivista dei frati di Assisi - che i ritardi nel restauro della chiesa gestita dai frati, e danneggiata dal terremoto di qualche anno fa, non era il motivo della decisione dell'Ordine, legata invece esclusivamente alla crisi delle vocazioni che sta svuotando diverse comunità conventuali. E che obbliga il Capitolo della Provincia del Nord Italia ad accorpare i religiosi rimasti.

LEGGI ANCHE --> Il vescovo Antonazzo sconfessa il parroco: «La Diocesi è solo per l'accoglienza»

A rischio chiusura è anche il convento di Mazzarino, in provincia di Caltanissetta. Il ministro provinciale, padre Pietro Giarracca, in una lettera ai fedeli, ha spiegato le ragioni del ridimensionamento della presenza francescana. Tra Siracusa, Messina e Palermo, i cappuccini stanno sempre più diminuendo. L'età media avanza, non ci sono nuovi giovani frati e soluzioni all'orizzonte non se ne intravedono: l'unica è la chiusura dei conventi. Sempre in provincia di Caltanissetta aveva chiuso, qualche tempo fa, dopo cinque secoli di storia, il convento di Mussomeli. La ragione sempre la stessa: la decisione sarebbe stata adottata a causa della mancanza di frati, della crisi di vocazioni e della morte dei frati del convento. A Gualdo Tadino, in Umbria, nei mesi scorsi la popolazione aveva organizzato una raccolta di firma per evitare la partenza degli ultimi due frati rimasti nel convento, da molti considerati loro guide spirituali.

Un problema - questo del calo delle vocazioni che porta alla chiusura dei conventi - che ormai da anni riguarda l'Italia e l'Europa. Secondo le ultime statistiche della Chiesa cattolica il trend sembra irreversibile: sempre meno religiosi e le suore in particolare sono diminuite in sette anni del 10 per cento a livello mondiale, nonostante la loro crescita negli ultimi anni in Africa. A Roma e nel resto d'Italia sono diverse anche le scuole cattoliche che chiudono o che passano di mano ad organizzazioni di laici. Sempre meno sono infatti le suore-maestre alle quali affidare le cattedre.

 
Sabato 17 Agosto 2019, 23:45 - Ultimo aggiornamento: 18 Agosto, 12:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2019-08-19 11:55:04
I motivi di questa fuga potrebbero risiedere nella mancata modernizzazione della chiesa ma soprattutto dalla crisi delle famiglie: 1- ancora si insiste sulla castità dei preti e monache che poi in molti svicolano in rapporti clandestini. Con la scusa che il matrimonio li distoglierebbero dal loro ministero quando invece li aiuterebbe a capire i problemi delle coppie moderne. Del resto molti dei primi seguaci di Cristo erano sposati e di casi di deviazioni comportamentali ultimamente ne abbiamo avute tantissime che scandalizzano i più puritani. 2- Oggi con la modernizzazione della società i figli sono lasciati a se stessi, i genitori che non hanno tempo da dedicare a loro e se possono cercano di dargliela sempre vinta altrimenti rompono i gabbasisi, ad una scuola che ha perso la sua prima finalità che è l'educazione degli scolari e il rispetto verso gli altri con il risultato che i ragazzini non hanno più nè la guida della famiglia nè quella della scuola per cui crescono con altri riferimenti che sono all'opposto di una crescita sana e crescita anche spirituale per cui quando ne hanno l'età possono pensare a tutto meno che ad indirizzarsi verso la religione ma questa non è la regola, ci sono anche tanti giovani che si dedicano ad aiutare il prossimo. Credo anche che tanti africani entrino a far parte del clero solo perchè è l'unico modo per sopravvivere dignitosamente e forse sono anche migliori di altri nostrani. Forse la mia è una analisi superficiale ma non credo tanto lontana dalla realtà
2019-08-18 16:13:58
la colpa? della società materialista che fa capo ai MASS MEDIA alla sinistra comunista ed alla stessa chiesa rivolta tutta verso i paesi del terzo mondo e per niente in EUROPA,,,
2019-08-18 12:04:47
E' la conoscenza che si fa largo nell'ignoranza … vai cosi
2019-08-18 11:57:36
Moltissimi di quelli che prima si rifugiavano in seminario oggi convivono. I tempi cambiano.
2019-08-18 11:49:16
Moltissimi di quelli che prima si rifugiavano in seminario oggi convivono. I tempi cambiano.

QUICKMAP