A fuoco l'azienda di plastica, il rogo
è doloso: scatta l'allarme ambientale

Martedì 10 Agosto 2021 di Rossella Liguori
A fuoco l'azienda di plastica, il rogo è doloso: scatta l'allarme ambientale

Incendio alla Termoplast, materiale plastico in fiamme e nube sulla città, si indaga sul dolo. Intanto, richiesto il monitoraggio dell’aria. Canfora chiama l’Arpac: «Controlli a tappeto e centralina di verifica della qualità dell’aria». Il rogo si è sviluppato domenica sera, intorno alle 22 nell’area industriale di via Ingegno. Le fiamme hanno avvolto in pochi minuti il capannone di circa 2.400 metri quadrati al centro dell’area Pip. Le lingue di fuoco hanno divorato la struttura minacciando anche le aziende accanto. Sul posto le squadre dei vigili del fuoco del distaccamento di Sarno, Nocera Inferiore, Mercato San Severino con il supporto delle autobotti e dei mezzi speciali del comando di Napoli; i volontari della protezione civile e le forze dell’ordine. Ci sono volute diverse ore per riuscire a circoscrivere il rogo ed a domare le fiamme, per poi passare ad operazioni di messa in sicurezza fino alla mattinata di ieri. Dall’incendio del materiale plastico, consistente in materie prime di lavorazione di prodotti Pet, si è sprigionata una colonna di fumo denso. 



Le forze dell’odine hanno lavorato per ricostruire l’accaduto, le cause e le modalità dell’incendio. Per ora nessuna pista sembra esclusa. Dalle prime indiscrezioni, pare si stia investigando collegando l’incendio ad un altro rogo di qualche mese fa in una abitazione e su delle denunce che pare siano state presentate dai titolari dell’azienda. Punti ancora da chiarire e verificare, ma la pista dolosa è quella imboccata già nelle prime ore. Intanto, resta l’interrogativo sulla nube sprigionatasi che ancora nella giornata di ieri avvolgeva parte della città. Il sindaco, Giuseppe Canfora, ha chiesto un laboratorio mobile per il monitoraggio della qualità dell’aria nelle vicinanze del luogo interessato dall’incendio. Non è escluso, che si possa chiedere un controllo continuo in zona anche a fronte delle altre aziende che vi operano e delle esalazioni segnalate più volte dai residenti. 

Tavolo tecnico ieri mattina a Palazzo San Francesco. «Una notte difficile per tutti noi, per tutta la città. Abbiamo fatto i conti con un rogo terribile e la colonna di fumo che si è sprigionata. Siamo stati sul posto insieme ai vigili del fuoco, le forze dell’ordine, i volontari. Si procede con le indagini per ricostruire quanto accaduto. Saranno gli inquirenti a fare chiarezza. Ho convocato un tavolo tecnico per predisporre nuove misure di controllo. Ho richiesto l’intervento dell’Arpac per il monitoraggio della qualità dell’aria. Sono vicino ai miei concittadini, agli imprenditori, vivo questo territorio come tutti e stiamo mettendo in campo tutte le misure possibili per garantire la sicurezza, la salute, la vivibilità. La magistratura farà il suo corso per individuare eventuali responsabilità e le modalità del rogo», comme Canfora. purtroppo non rappresenta un episodio isolato.

Ultimo aggiornamento: 07:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA