Studente si finge funzionario del controllo qualità e mangia gratis al fast food per un anno

Studente si finge un funzionario del controllo qualità e per un anno mangia gratis in una catena di fast food: arrestato. Sul web: «È un eroe!»
ARTICOLI CORRELATI
di Simone Corbetta

Uno studente di ventisette anni è stato arrestato per aver mangiato gratis ogni giorno, per un anno, presso la catena di fast food KFC, sostenendo di essere un “ispettore della qualità alimentare della sede centrale”. L’uomo entrava con disinvoltura, indossava una giacca e spesso arrivava in limousine guidata da un suo amico che lavora come autista di limousine part-time.

LEGGI ANCHE Vermi nel pollo del fast-food: la denuncia choc su Facebook

 
E’ riuscito ad ingannare il personale del KFC mostrando una ID card con su scritto “Head Office”, in modo da poter controllare la qualità del cibo. L’identità non è stata ancora rivelata, ma sembra sia uno studente dell’università KwaZulu-Natal, in Sudafrica. E’ riuscito a prendersi gioco di diversi punti vendita KFC in tutto il Sudafrica utilizzando sempre la stessa tecnica, potendo così mangiare senza pagare nemmeno un centesimo per centinaia di volte. Ai dipendenti il truffatore avrebbe detto di essere stato inviato dalla sede centrale del KFC per controllare la qualità del cibo servito al ristorante. Un membro dello staff di uno dei ristoranti della catena KFC ha riferito: «Quando è arrivato, ciascuno di noi ha cercato di fare del proprio meglio per non farlo innervosire. Era cosi convincente perché era molto sicuro di sé, ad anche i colleghi di altri ristoranti della catena lo conoscevano».

LEGGI ANCHE L'erede della Coca Cola arrestato con 900 mila sterline in cannabis sul jet privato

Ha poi aggiunto: «Quando è entrato si è precipitato in cucina ed ha controllato tutto, prendendo appunti e chiedendo dei campioni di quello che voleva. Probabilmente ha lavorato per KFC perché sapeva tutto». Nonostante sia stato arrestato, sul web è stato lodato da molti come un “eroe” per la sua ingegnosità. Il giornalista keniota Teddy Eugene ha condiviso le gesta dell’uomo sul suo account twitter che ha ora raggiunto più di 60 mila like. Una persona ha commentato: “non tutti gli eroi indossano mantelli”.

   
Mercoledì 15 Maggio 2019, 15:11 - Ultimo aggiornamento: 15-05-2019 19:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP