CORONAVIRUS

Coronavirus, Tiziano Ferro: «Il governo si esponga e faccia chiarezza sui concerti». E scoppia la polemica

Lunedì 13 Aprile 2020
Coronavirus, Tiziano Ferro: «Governo faccia chiarezza sui concerti». E scoppia la polemica

Tiziano Ferro lancia l'allarme sui concerti nella stagione del coronavirus: «Ci servono risposte e impegno sul programma dei concerti», dichiara il cantautore in collegamento con la trasmissione "Che Tempo che Fa" di Fabio Fazio. E divampa la polemica sulla rete. Non usa mezzi termini Ferro: «Non sappiamo nulla, i concerti sono formalmente in piedi perché i provvedimenti del governo arrivano fino al 3 maggio. Io ho bisogno di chiedere che si faccia chiarezza, che il governo ci dia delle risposte e anche si esponga, prenda una posizione per noi». Un appello per la musica diretto al governo italiano. Che ha creato un valzer di repliche. Perplesso lo stesso conduttore televisivo Rai Fazio che ha cercato di stemperare i toni e prendere le distanze. Molti spettatori hanno considerato «Inopportune» le parole del musicista di Latina.

“One World Together At Home”, ​Lady Gaga annuncia il megaevento del 18 aprile con star planetarie da Stevie Wonder a Billie Eilish

Meno polemico col Governo, ma con toni preoccupati aveva parlato già il cantautore Francesco De Gregori, commentando la situazione degli artisti in questo momento di emergenza per il coronavirus. «L'industria dello spettacolo - ha osservato il cantautore - sarà una delle ultime a riprendere le attività, per molti si prospettano mesi di sofferenza economica, a questo occorrerà mettere rimedio». La crisi avrà impatto anche sui tecnici dello spettacolo. «Posso solo sperare che gli innumerevoli lavoratori dell'indotto, che costituiscono la manovalanza necessaria a mettere in piedi un concerto e di cui il pubblico spesso ignora l'esistenza, possano essere protetti dalla cassa integrazione o da altri meccanismi di tutela». 

Pearl Jam, il tour europeo salta: la band tornerà in Italia nell'estate 2021

Più dirette le parole di Tiziano Ferro: «Il mondo della musica ha fatto vedere di cosa è capace, abbiamo raccolto quasi 8 milioni con "Musica che unisce". Anche noi adesso ci meritiamo un minimo di attenzione e di riconoscimento - dice il cantautore - Abbiamo sempre fatto tanto e lo faremo ancora per le situazioni di crisi, non solo a livello di intrattenimento ma anche economico. Abbiamo donato personalmente e abbiamo raccolto, si viene da noi musicisti per una richiesta d'aiuto e noi lo facciamo sempre volentieri, ma in questo momento abbiamo bisogno di una risposta - continua - Non per me, per il sogno che ho coltivato per un anno per il tour, ma per chi ancora oggi continua a comprare biglietti: ad oggi sono stati acquistati quasi 500.000 biglietti per i miei concerti, penso alle persone che lavorano sul palco e dietro al palco», ricorda il cantante. «Abbiamo il diritto di sapere se possiamo fare concerti o no, perché noi siamo bloccati, questo per tutelare il pubblico e i lavoratori più fragili, per capire come ripartire. Abbiamo bisogno di risposte, siamo al 3 maggio e ad oggi tecnicamente non possiamo fare nulla essendo il tour a giugno-luglio». 
 


 

Ultimo aggiornamento: 19:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA